« Torna indietro

Isola dei famosi: il ritiro di Jeremias

Jeremias Rodriguez

Jeremias Rodriguez parla a Verissimo: “La droga uno dei miei punti più bassi”

Il fratello di Belen Rodriguez, Jeremias, ha detto nella nota trasmissione televisiva come il periodo in cui ha fatto uso di droga sia stato il punto più basso della sua vita.

Pubblicato il 16 Maggio, 2022

Il fratello di Belen Rodriguez, Jeremias, torna a far parlare di sé. Durante una puntata di Verissimo ha svelato alcuni retroscena riguardo al suo passato, con riferimento soprattutto all’uso di droga.

Il racconto del periodo buio

Una volta messa alle spalle l’esperienza dell’Isola dei Famosi, Jeremias ha detto che il periodo più buio della sua vita è coinciso con quello nel quale ha iniziato a fare uso di droga e che ne è potuto uscire grazie all’aiuto della famiglia e della fidanzata Deborah Togni. Nel corso della puntata del noto programma televisivo di informazione di Mediaset ha raccontato: Se ho fatto uso di sostanze? Parli di droga? Ok dai, qualcuno non l’aveva capito? Sì è stato uno dei miei punti più bassi, di quelli che mi hanno fatto stare male. Ero senza lucidità per andare avanti. Io non ero lucido e non riuscivo a guardare al futuro”.

La vicinanza della fidanzata

Oltre a ciò Jeremias ha detto anche di essersi allontanato da tutti per un determinato periodo, mentre adesso con la fidanzata sogna di costruire una famiglia. Proprio riguardo al sostegno ricevuto dalla fidanzata per allontanarsi dalla droga ha detto: “Nei momenti bui la mia ragazza mi è stata vicino. Ho allontanato delle persone che non mi facevano del bene. Però non voglio incolpare gli altri, mi prendo le mie responsabilità. Deborah è stata la mia salvezza, lei stava a casa con me sempre. Mi ha fatto capire che non dovevo modificarmi per piacerle. Non c’è cosa più bella di sentirsi accettati per quelli che si è. Anche perché io mi facevo schifo. Lei non era legata a me per sangue e nascita e sapere che mi accettava mi ha aiutato tantissimo. Non c’è cosa più bella di un essere umano che ti accetta anche quando tu ti fai schifo”.