« Torna indietro

Marsiglia-Lazio: niente tifosi biancocelesti perché violenti e fascisti

Lotito invoca l’aiuto del governo, il caso si sposta in ambiente politico. Per Giorgia Meloni si tratta di un “pericoloso precedente”

La Francia ha diffuso un’ordinanza restrittiva per la partita di giovedì tra Marsiglia e Lazio, valida per l’Europa League.

Avrebbe vietato ai tifosi biancocelesti l’ingresso in stadio perché ritenuti “pericolosi e fascisti”. Accuse pesanti secondo la società laziale che ieri, avrebbe invocato l’intervento del governo italiano: “La Lazio non può accettare un’offesa gratuita a tutta la tifoseria biancoceleste ed alla Società stessa, che ha sempre combattuto con azioni concrete i comportamenti violenti ed ogni tipo di discriminazione, dentro e fuori gli stadi”.

Il caso in breve tempo è diventato da sportivo a politico. Fratelli d’Italia, in particolare Giorgia Meloni, ha invocato l’intervento tempestivo del governo italiano per impedire la discriminazione su suolo francese di chi si presenta come tifoso laziale il 3 e 4 novembre. “Ci troviamo di fronte a un pericoloso precedente: in occasione di una partita di calcio, in questo caso Marsiglia-Lazio, il governo di Parigi non si limita a vietare l’accesso allo stadio o alla città che ospita la partita ma arriva addirittura a negare l’accesso su suolo francese “dai posti di frontiera stradali, ferroviari, portuali e aeroportuali”, queste le parole con cui la leader del movimento Fratelli d’Italia insieme al dirigente nazionale del partito, Federico Rocca, chiede l’intervento del premier Draghi.

x