« Torna indietro

scudetto

Lo Scudetto del Milan macchiato dai suoi ultras che picchiano altri tifosi rossoneri (VIDEO)

Pubblicato il 24 Maggio, 2022

Lo Scudetto del Milan macchiato dai suoi ultras, che picchiano durante l’invasione di campo al Mapei Stadium per festeggiare il titolo appena conquistato battendo il Sassuolo. Rossoneri che schiaffeggiano violentemente, vigliaccamente, a tradimento altri rossoneri.

YouTube video

Una vergogna diffusa e documentata da video che stanno circolando sui social, quelli finiti nella lente di ingrandimento anche della Questura di Reggio Emilia, che sta svolgendo accertamenti.

Già nelle immagini che vi mostriamo sono evidenti alcune delle becere aggressioni. Si vedono chiaramente alcuni ultras aggredire con pesanti colpi alle spalle ragazzi che vorrebbero solo godersi il momento di gioia a lungo atteso, per poi intimare loro di uscire dal campo.

YouTube video

Uno, con maglia del Milan e occhiali da sole, si apposta in maniera tale da potere sorprendere i malcapitati in fuga, assestando ceffoni in pieno volto.

scudetto
il dettaglio di una delle aggressioni

Secondo le prime indagini sarebbero membri di gruppi organizzati rossoneri che, per quella gretta convinzione di essere i padroni e i gestori della maniera di tifare per la propria squadra tipica di alcune frange malate del sottobosco culturale ultras, pretendevano di essere gli unici a scendere in campo. Le aggressioni, quindi, sarebbero la punizione per quei tifosi che reputano pecore indisciplinate, che hanno osato condividere la stessa scena del branco, anziché limitarsi a restare disciplinate e obbedienti nel gregge.

Al momento non sono state presentate querele o denunce formali, ma la Digos reggiana sta monitorando la situazione anche attraverso le immagini di videosorveglianza dello stadio, al fine di identificare i responsabili.

Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire anche un altro episodio di violenza accaduto nella Curva Sud, divisa a metà tra tifosi del Sassuolo e del Milan: alcuni dei rossoneri sarebbero entrati a contatto per motivi legati ad alcune bandiere che, sventolate, ostruivano la visuale.