« Torna indietro

Taranto: Concerto Matt Bianco chiude rassegna del Teatro Fusco

Pubblicato il 23 Marzo, 2022

Domani, giovedì 24 marzo, si conclude la riuscita stagione culturale proposta dal Teatro comunale Fusco con il supporto di Comune di Taranto e Teatro Pubblico Pugliese. Spettacoli di prosa e offerta musicale che hanno ottenuto quasi sempre il tutto esaurito, segno, questo, di una scelta programmatica colta, interessante e attrattiva. 

Si chiude la stagione con una band che ha scritto la storia del modern jazz che strizza l’occhio al pop. D’altronde l’anima dei Matt Bianco è proprio questa e nel nome di una fantomatica spia che ha dato il nome alla formazione britannica, frutto della passione per le spy story, Mark Reilly arriva a Taranto per proporre Gravity, un album sofisticato ma senza sovrastrutture.

Undici tracce per un disco Gravity uscito nel 2017 Per il loro quindicesimo album, il front-man, il cantante e cantautore Mark Reilly ha reclutato una nuova band con Magnus Lindgren, sax e flauto svedese, e una buona parte del gruppo di Jamie Cullum. Registrato a Stoccolma, Londra e nello studio dello stesso Matt Reilly a Buckinghamshire, “GRAVITY”si basa su un suono Jazz organico, registrato come una band live e mixato da Mark. 

La produzione del nuovo album, la prima uscita dopo la tragica morte del tastierista e co-leader Mark Fisher, ha avuto inizio a Stoccolma quando Mark ha iniziato a comporre le solari note del singolo “Joyride”, un brano sospeso tra “Sidewinder” di Lee Morgan e “Lowrider” dei War, che è anche contenuto in un remix di Mark De Clive- Lowe, e la ballata, profonda e oscura “Solace”, così come la dolcissima “AM / PM” con Magnus Lindgren. 

Le altre sette tracce, che vanno dal groove uptempo di “Summer In The City” e di “Invisible” o alla latineggiante “Paradise”, sono state scritte e registrate con il sassofonista britannico Dave O’ Higgins (Jamie Cullum, Mezzoforte, Matthew Herbert) nel suo studio di Brixton e i membri del suo quintetto: Sebastiaan de Krom ai tamburi, Geoff Gascoyne al basso (Jamie Cullum), Graham Harvey al pianoforte e al Fender Rhodes, conosciuto per il suo lavoro con George Benson, Incognito e Stacey Kent, oltre all’incredibile Martin Shaw alla tromba e al filicorno, un frequentatore della grande orchestra della BBC che ha anche collaborato con Sting, Jamiroquai e Natalie Cole. A Completare la line-up Elisabeth Troy, cantante che vanta collaborazioni con MJ Cole, Metrik, e Clean Bandit. 

Formatosi nel 1982 per volere degli ex membri del gruppo di modern jazz Blue Rondo a la Turk, Matt Bianco mette al centro del proprio repertorio un jazz organico che riempie l’atmosfera e scalda l’ambiente, trascinando lo spettatore in un’avventura sonora unica nel suo genere: con 15 album all’attivo e lo status di vero e proprio gruppo di spicco del panorama jazz mondiale, Matt Bianco si presenta al pubblico tarantino con una line-up tutta nuova voluta dal front-man, il cantante e cantautore Mark Reilly, che ha formato una nuova band con Magnus Lindgren, sax e flauto svedese, e una buona parte del gruppo di Jamie Cullum.

Per il concerto di domani sera è previsto l’acquisto di biglietto ridotto esclusivamente per i giovani fino a 30 anni, per le persone di oltre 65 anni, per i dipendenti militari e civili dell’Esercito Italiano Puglia e delle Capitanerie di Porto – Puglia, Aeronautica/Marina Militare.

L’acquisto dei biglietti è possibile al botteghino del Teatro comunale Fusco oppure online all’indirizzo:  https://www.vivaticket.com/it/biglietto/matt-bianco/168537

x