« Torna indietro

UFO: il nuovo video mostrato dal Congresso degli Stati Uniti

Pubblicato il 18 Maggio, 2022

Quello che vedete è un nuovo video che sta suscitando l’interesse degli appassionati di UFO. E’ stato mostrato durante l’audizione che il Congresso degli Stati Uniti ha tenuto sull’esistenza e le caratteristiche dei “fenomeni aerei non identificati” (UAP), quelli che comunemente vengono chiamati UFO (oggetti volanti non identificati). Un incontro attesissimo, l’ultimo era stato più di 50 anni fa.

YouTube video

L’audizione, che ha coinvolto rappresentanti della Difesa statunitense e parlamentari della Commissione per l’antiterrorismo e il controspionaggio della Camera, ha avuto al centro della discussione le numerose segnalazioni fornite negli ultimi decenni soprattutto da piloti dell’aeronautica militare circa l’avvistamento di oggetti volanti, con caratteristiche tali da andare contro le comuni conoscenze sull’aerodinamica e in generale le leggi della fisica. Sono stati mostrati anche dei video, per lo più già noti e in circolazione da anni, su alcuni di questi fenomeni e ci sono state conferme circa la volontà del governo di approfondirne le cause.

Ufo
Un dettaglio del video mostrato

Un rapporto diffuso a fine giugno dello scorso anno aveva indicato che almeno 143 delle segnalazioni raccolte dal 2004 continuavano a non avere spiegazione. Il documento comprendeva 21 casi di fenomeno ignoti e che potrebbero mostrare capacità tecnologiche sconosciute agli Stati Uniti. Durante l’audizione è stata confermata questa circostanza, anche se i responsabili della Difesa hanno detto di ritenere poco probabile che altri paesi abbiano sviluppato sistemi di volo di quel tipo.

Gli avvistamenti sono documentati in video realizzati in volo dai sistemi di bordo degli aerei da guerra, per lo più jet, e mostrano oggetti che si muovono a una velocità considerevole e senza apparenti sistemi di propulsione convenzionali. Altri accelerano in pochi istanti e cambiano poi rotta repentinamente, con manovre che non possono essere realizzate con i normali aerei.

Il governo degli Stati Uniti ritiene che le tecnologie impiegate per ottenere simili risultati siano oltre le capacità di altre grandi nazioni come la Cina o la Russia, e che per questo siano necessarie nuove analisi e indagini più accurate.

In generale, un “oggetto volante non identificato” indica qualsiasi fenomeno osservato nel cielo che non può essere spiegato, per esempio a causa del modo in cui vola quell’oggetto o per via della sua forma. Se analisi e approfondimenti consentono di comprenderne l’origine, l’UFO smette di essere tale e assume altre definizioni.

Si può quindi dire che gli UFO esistono senza implicare che esistano gli alieni e che quegli oggetti non identificati siano frutto delle loro tecnologie. Ciò nonostante, ormai da tempo “UFO” è diventato per molti un sinonimo per indicare le astronavi aliene. Negli anni sono nate organizzazioni, talvolta perfino culti, che indicano gli avvistamenti UFO come una prova delle loro convinzioni non solo sull’esistenza di forme di vita aliene, ma anche sulla loro presenza sulla Terra.

Gli UFO non sono presi in considerazione solamente da chi li ritiene senza dubbio una manifestazione aliena. I loro avvistamenti sono valutati dai governi in numerosi paesi, perché potrebbero condurre alla scoperta di minacce per la sicurezza nazionale o di nuove tecnologie sviluppate in ambito militare o civile.

Il rapporto reso pubblico lo scorso giugno era stato commissionato nel 2020, con la richiesta di fornire una rassegna sulle attività svolte dall’Ufficio dell’intelligence della Marina militare, dall’FBI e dal gruppo di lavoro sugli UAP. La documentazione, appena nove pagine, era stata poi presentata al Congresso per fare le proprie valutazioni e ne era in seguito derivata la decisione di condurre alcune audizioni.

YouTube video

Alcuni video degli avvistamenti erano stati desecretati nel 2020, ma in precedenza erano già circolati online in seguito alla loro diffusione non autorizzata da parte di un ex collaboratore al progetto UAP. Un video era stato girato nel 2004 e altri due nel 2015, mentre nel 2019 ne era stato realizzato un altro che mostrava riprese effettuate da un aereo militare statunitense su un tratto di mare vicino a San Diego (California). Il filmato mostrava uno strano oggetto in volo, che sembrava scomparire in acqua senza lasciare tracce.

YouTube video

Nel corso dell’audizione, il vicedirettore dell’intelligence per la Marina militare statunitense, Scott W. Bray, ha detto che il materiale sugli UAP a disposizione delle indagini non comprende solamente immagini registrate da mezzi militari, ma anche da altre fonti. Bray non ha però fornito ulteriori dettagli in merito, dicendo invece che nel caso degli aerei militari coinvolti ci sono stati almeno «undici incidenti mancati» con oggetti volanti non identificati. Non ci sono mai state collisioni e il personale militare coinvolto non ha mai provato a comunicare con gli UFO o ad attaccarli.

Rispondendo ad alcune domande della Commissione, Bray ha detto che in alcune circostanze sono stati recuperati rottami di oggetti sospetti, ma che il materiale raccolto “non ha nulla di inspiegabile o che non sia riconducibile a un’origine terrestre”.

Le risposte da parte degli altri rappresentanti dell’esercito e del governo sono state invece più vaghe sull’esistenza di tecnologie per compiere rilevazioni sott’acqua di eventuali oggetti non identificati. Per risposte di questo tipo, che potrebbero rivelare alcuni dei sistemi impiegati dagli Stati Uniti, i rappresentanti del governo hanno rimandato a una successiva discussione a porte chiuse. È stato comunque chiarito che non ci sono sensori appositi per gli UAP e che gli avvistamenti sono eseguiti con le normali strumentazioni.

Il termine UFO fu utilizzato per la prima volta dall’Aeronautica militare degli Stati Uniti all’inizio degli anni Cinquanta, proprio per indicare gli oggetti non identificati dopo le necessarie verifiche. Il termine è progressivamente diventato sinonimo di “disco volante” e navi spaziali aliene per l’opinione pubblica, anche a causa di alcune teorie del complotto e dei presunti “rapimenti alieni”.

La Terra è sorvegliata da decine di satelliti in orbita per le osservazioni e conta centinaia di telescopi puntati verso la volta celeste, quindi un’astronave extraterrestre sarebbe probabilmente avvistata al suo arrivo, ben prima degli aerei militari o delle osservazioni amatoriali. La maggior parte degli esperti e degli scienziati mantiene un approccio scettico e scientifico sul fenomeno, ricordando che nella grande categoria “UFO” nel corso dei decenni è finito un po’ di tutto, con fenomeni anche molto diversi tra loro, alcuni facilmente spiegabili e altri per i quali si è ancora alla ricerca di una spiegazione convincente.

Le segnalazioni potrebbero essere comunque molte di più, ma molti piloti professionisti preferiscono non inserire nei rapporti i propri sospetti circa alcuni avvistamenti, perché intorno al fenomeno degli UFO si sono formati nel tempo molti pregiudizi e ci sono timori di non essere presi sul serio, con potenziali ripercussioni per la carriera.

Bray e gli altri rappresentanti della Difesa hanno detto durante l’audizione di voler affrontare il problema, discutendo pubblicamente le informazioni che possono essere rese note, in modo da incoraggiare altri piloti a inserire eventuali avvistamenti nei loro rapporti, aumentando in questo modo il materiale da analizzare e su cui lavorare: “Il messaggio è chiaro: se vedete qualcosa, dovete inserirlo nei vostri rapporti”.