« Torna indietro

Via Libera dalla Giunta alla variante urbanistica per la realizzazione delle opere di adeguamento idraulico per la pista ciclabile a Ca’ Sabbioni

Pubblicato il 27 Ottobre, 2021

27.10.2021 – La Giunta comunale, riunitasi ieri, ha dato il via libera, su proposta dell’assessore all’Urbanistica Massimiliano De Martin, alla delibera di Consiglio comunale con la quale si andrà ad adottare la variante urbanistica, con apposizione del vincolo preordinato all’esproprio, e propedeutica alla realizzazione delle opere di adeguamento idraulico funzionali alla realizzazione del percorso ciclopedonale in località Ca’ Sabbioni, nel tratto compreso tra via della Stazione e il mobilificio esistente e che sarà realizzata da Veneto Strade.

“Nello specifico – commenta l’assessore De Martin – le opere di adeguamento idraulico, richieste dal Consorzio di Bonifica, sono volte a convogliare le acque piovane dell’ambito della pista ciclabile nel canale Fondi a Nord, mediante un piccolo fossato da realizzare sullo scoperto di pertinenza di Villa Priuli, sul quale la Soprintendenza si è già espressa favorevolmente. Questa ulteriore delibera consentirà quindi di procedere con la realizzazione di un percorso ciclabile estremamente importante per la mobilità su due ruote nella terraferma veneziana. Ora è fondamentale che il Consiglio comunale approvi il testo della delibera per poter procedere alla realizzazione dell’opera e mettere in sicurezza un tratto stradale con traffico costante e intenso, percorso anche ad elevate velocità”.

“Lo scorso agosto – ha ricordato l’assessore – è stato inaugurato a Ca’ Sabbioni, il primo tratto della nuova pista ciclopedonale che costeggia la SR 11 e via Padana, collegando via della Stazione in località Ca’ Brentelle con via Venezia in Località Ca’ Sabbioni. La realizzazione di questo tratto di 266 metri rientra in un più ampio intervento, diviso in lotti, che prevede un percorso ciclabile per rendere sicuro il passaggio lungo la SR11, dalla rotatoria all’incrocio con la statale ‘Romeai fino a Ca’ Sabbioni”.