« Torna indietro

è stato notato dall’equipaggio della motovedetta mentre, a velocità elevata, tale da produrre una scia sostenuta ed in assetto planante, attraversava un tratto di laguna interdetto alla navigazione perché caratterizzato da basso fondale

è stato notato dall’equipaggio della motovedetta mentre, a velocità elevata, tale da produrre una scia sostenuta ed in assetto planante, attraversava un tratto di laguna interdetto alla navigazione perché caratterizzato da basso fondale

Venezia, naviga a forte velocità: denunciato

è stato notato dall’equipaggio della motovedetta mentre, a velocità elevata, tale da produrre una scia sostenuta ed in assetto planante, attraversava un tratto di laguna interdetto alla navigazione perché caratterizzato da basso fondale

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, nel corso di un servizio di pattugliamento lagunare, finalizzato, tra l’altro, alla vigilanza sul rispetto delle norme del codice della navigazione, atte a garantire le condizioni di una sicura circolazione acquea nei canali più trafficati, nella mattinata di giovedì 16 luglio hanno denunciato a piede libero un motoscafista veneziano che, lanciato a forte velocità e con dei passeggeri a bordo, navigava in “secca” nei presso del Canale delle Navi.

Nello specifico l’unità, un tipico “taxi veneziano”, è stato notato dall’equipaggio della motovedetta mentre, a velocità elevata, tale da produrre una scia sostenuta ed in assetto planante, attraversava un tratto di laguna interdetto alla navigazione perché caratterizzato da basso fondale.

Per tale motivo l’unità da lavoro è stata fermate e sottoposta a controllo, riscontrando che a bordo della stessa erano presenti anche dei turisti stranieri diretti a Murano. A quel punto per il comandante, non nuovo a tale tipo di violazioni, è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Venezia per le violazioni penali commesse. Tale attività si inquadra tra i servizi di prevenzione generale, messi in atto per il periodo estivo dall’Arma, a terra ed in laguna, disposti dal Comando Provinciale del capoluogo Marciano.

Edizioni