« Torna indietro

Padova, maxi operazione dei carabinieri: fermata la banda dei bancomat esplosivi

Un migliaio di carabinieri fin dalle prime ore di sabato hanno smantellato l’associazione criminale, che assaltava gli sportelli bancomat di Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. La maxi operazione “Sorgente” del Nucleo Investigativo di Padova insieme al Comando Provinciale hanno concluso in bellezza un’operazione cominciata nel 2019. Sono riusciti ad incastrare una banda criminale senza scrupoli, che usava potenti cariche esplosive artigianali per assaltare i bancomat fino ad accaparrarsi i soldi. La banda aveva una struttura ben organizzata: una parte si dedicava ai colpi, l’altra a sistemare, riverniciare e nascondere le auto che servivano per scappare. Tutto è partito dal furto di un’Audi A6, di proprietà di un turista tedesco, avvenuto vicino a Mirabilandia. I colpi finora attribuiti alla banda sono tre (ma gli investigatori sono certi siano di più e le indagini proseguiranno): l’assalto alla filiale Monte dei Paschi di Siena di Sarmeola di Rubano il 18 novembre 2019, quello alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata avvenuto a Vicenza il 16 dicembre 2019 e quello avvenuto al bancomat delle Poste a Padova in via Sacro Cuore. Gli indagati stavano progettando anche colpi all’estero, in Francia e Belgio. Custodia cautelare in carcere per 4 sinti: F. B., 52enne; M. G. 43enne; D. G. M. , 38enne; S. P., 49enne. Arresti domiciliari per J. G. M. 24enne anch’esso sinto, mentre sono stati sottoposti a obbligo di dimora nel proprio domicilio dalle ore 21 alle ore 7 altre 4 persone: M.l B., 58enne vicentino; P. S., 43enne trevigiana; D. Z., 45enne vicentino; E. S., sinto di 46 anni.

x