« Torna indietro

Motus Leaves Trio

Motus Laevus: presenta “Y”, in prima assoluta al Gezmataz Festival di Genova, mercoledì 22 luglio

Motus Laevus: presenta “Y”, in prima assoluta al Gezmataz Festival ..

Genova – La seconda parte della serata inaugurale del Gezmataz Festival, che si terrà a Genova nell’area Porto Antico in Piazza delle Feste, mercoledì 22 luglio, la prima di  cinque serate con artisti internazionali per la XVII edizione, vede protagonisti il trio dei Motus Laevus formato dalla musicista slovena Tina Omerzo alla voce, pianoforte e tastiere, dal polifiatista Edmondo Romano al sax soprano, clarinetti, chalumeau, fluier e dal chitarrista Luca Falomi alle acustiche, classiche, 12 corde ed elettrica che saranno accompagnati, come nell’album, da due importanti ospiti del panorama nazionale: il poliedrico Marco Fadda alla darabouka, kanjira, riqq, bendir, tabla, shaker, drum set e l’apprezzato jazzista Rodolfo Cervetto alla batteria.

Motus Laevus: prima assoluta “Y”

La formazione presenterà in prima assoluta il loro cd Y (l’antica fenicia lettera Y che rappresenta l’incognita), uscito con distribuzione internazionale i primi di giugno per la prestigiosa etichetta internazionale di world music Felmay, prodotto dai compositori Pivio e Aldo De Scalzi e distribuito in Italia da Egea Music, curato nelle riprese dallo studio Orange Home records e nel mix e mastering da Marco Canepa.

Il disco è nato direttamente negli spazi Gezmataz, promotore della formazione che ne ospita la prima assoluta in concerto all’interno del suo Festival.

Motus Laevus: significato e interpretazione

Motus Laevus, in latino, ha numerosi significati ed interpretazioni: letteralmente tradotto in movimento inverso può significare anche senso antiorario o moto sinistro, anche nell’accezione positiva attribuita dai latini all’oriente. Tutto e il contrario di tutto, dunque, a sottolineare il fatto che le parole, come la musica, racchiudono in sé molteplici direzioni e forme, nel tempo e nel luogo, un mondo senza confini.

Motus Laevus: contaminazioni musicali nel progetto

Nel progetto Motus Laevus coesistono naturalmente suoni e linguaggi musicali di strumenti antichi e moderni, acustici ed elettrici, brani originali e tradizionali, in un melting pot dove la musica world si avvicina al jazz contemporaneo, canti sloveni e cultura europea si fondono con danze nordafricane e orientali, composizioni dell’est dai tempi composti vengono miscelate a scale mediorientali greco turche.

Biglietteria del concerto dei Motus Laevus disponibilie online: https://www.happyticket.it/genova/acquista-biglietti/168479-motus-laevus.htm

Contatti: Edmondo Romano edmondo.romano@gmail.com

Edizioni

x