« Torna indietro

Benevento – Regionali, Ciarambino (M5S) attacca: nel Sannio per rievocare il sogno delle Forche Caudine

Benevento – Valeria Ciarambino, candidato presidente della regione Campania per il Movimento 5 Stelle stamattina (25 luglio 2020) ha aperto la campagna elettorale nel Sannio, partendo all’attacco della vecchia classe dirigente e proponendosi come il modo nuovo di difendere i territori delle aree interne. Alla conferenza stampa, tenuto presso il palazzo Paolo V, il vice ministro Laura Castelli, i candidati per il consiglio regionale, Antonella Colella e Carmine Molinario, i senatori ed i deputati di riferimento del Sannio. “Questa terra è l’emblema del tradimento della politica, se andiamo a guardare i numeri della provincia sannita il 70 percento dei giovani è senza lavoro, è la provincia con la più alta percentuale di disoccupazione giovanile d’Italia – ha dichiarato Ciarambino ai giornalisti – negli ultimi due anni 5.200 residenti se ne sono andati e nonostante questo i personaggi politici, che hanno fatto il bello e il cattivo tempo negli ultimi trent’anni su questo territorio, continuano a riproporsi come se fossero il nuovo ed i costruttori di futuro.

La verità è che la Campania è come una nave che viaggia con due motori spenti, che sono il Sannio e l’Irpinia, le cosiddette aree interne – ha aggiunto – noi vogliamo ribaltare questo paradigma perché questa è una terra fiera che non ha bisogno di assistenzialismo, ma di opportunità. Per noi le aree interne sono opportunità e vogliamo puntare sulle aree interne.

Intendiamo attivare in Campania cinquantamila posti nella pubblica amministrazione

Il nostro programma prevede cinquantamila assunzioni nella pubblica amministrazione tramite concorsi veri e non concorsi farlocchi senza nessuna certezza di assunzione. La provincia sannita ha un altro primato: la percentuale di giovani laureati, che è la più alta della media nazionale, eppure la gran parte di questi se ne vanno. Dobbiamo riconnettere il mondo dei giovani con quello dell’agricoltura, che rappresenta una grande opportunità per questo territorio. Noi vogliamo realizzare nel Sannio la più grande scuola di formazione d’Italia in agricoltura di precisione, che porta la tecnologia nel mondo agricolo, aumenta la produttività e la sostenibilità della produzione agricola.

I miei competitors sono stati gli smantellatori della sanità, mi fanno ridere

Sul fronte della sanità i miei competitors mi fanno sorridere – ha sottolineato il candidato presidente – fanno promesse coloro che sono stati gli smantellatori della sanità pubblica. All’epoca di Stefano Caldoro sono stati tagliati 130 posti letto in questo territorio, nell’epoca di Vincenzo De Luca, con l’aggregazione della macro area Avellino-Benevento altri 177 posti letto, mentre noi abbiamo salvato il pronto soccorso dell’ospedale di Sant’Agata dei Goti, mentre noi intendiamo riqualificare la sanità sannita, che è sempre stata una eccellenza. Caldoro ha chiuso gli ospedali di Cerreto Sannita e di San Bartolomeo in Galdo, noi vogliamo riportare i presidi sanitari nelle aree interne attraverso gli ospedali di prossimità”. Alla conferenza stampa sono intervenuti i candidati per il consiglio regionale, che hanno ribadito la necessità di un cambio di passo verso una Campania nuova, diversa, libera e vivibile.

x