« Torna indietro

Performer da musical, al via il campionato provinciale di Messina

La Fipass (Federazione Internazionale Performer Arti Scenico Sportive) riparte dopo lo stop da COVID-19. Costruite come un campionato sportivo, le gare-selezioni riprendono dal livello provinciale. È al via, dunque, il campionato provinciale di Messina aperto a tutti i talenti dei 108 Comuni che compongono l’area metropolitana

Si chiama Fipass (acronimo di Federazione Internazionale Performer Arti Scenico Sportive). E riparte dopo lo stop da COVID-19. Costruite come un campionato sportivo, le gare-selezioni di Fipass s’iniziano dal livello provinciale. È al via, dunque, il campionato provinciale di Messina aperto a tutti i talenti dei 108 Comuni che compongono l’area metropolitana.

Una squadra di star al vertice nazionale

Con al vertice Valentina Spampinato, ideatrice e fondatrice del metodo pass (performer arti scenico sportive), la squadra nazionale di Fipass è composta da Fioretta Mari per la recitazione, Grazia Di Michele per il canto e Garrison Rochelle per la danza.

Rochelle, texano di origine, è stato fino all’anno scorso l’insegnante di danza moderna di Amici di Maria De Filippi. Ha avviato la sua carriera come ballerino, andando in scena, tra l’altro, in Dancin’, sotto la direzione di Bob Fosse. Grazia Di Michele ha gareggiato tra i campioni di Sanremo più volte (con buoni piazzamenti, compreso il terzo posto). Con l’album Folli voli, del 2018, è stata alla Targa Tenco 2018 come miglior interprete. Sempre nel 2018 ha ricevuto il Premio Mia Martini. Fioretta Mari l’abbiamo vista sul palco e sul grande schermo con artisti quali Turi Ferro, Oreste Lionello, Vittorio Gassmann, Jean Louis Barrault, Madeleine Renaud, Leo Gullotta, Massimo Troisi, Aldo Giuffré, Nino Manfredi, Ugo Tognazzi, Pino Caruso e Mario Scaccia. Ha partecipato ad oltre 150 spettacoli teatrali calcando le scene da New York a Londra, da Parigi a Mosca, passando per Berlino, Rio de Janeiro, Budapest e Montevideo. È stata insegnante di dizione e recitazione di Amici. Dal 2009 insegna presso lo Strasberg Institute di New York City, dove ha portato il metodo d’insegnamento della Commedia dell’arte.

Sasà Neri guiderà i performer di Messina e provincia

Per Messina responsabile di Fipass – e del campionato provinciale – è Sasà Neri. Regista e formatore specializzato nel teatro performativo, Neri è il presidente dell’associazione “La Luna Obliqua” e direttore degli ensemble, dei corsi e laboratori collegati.

Tra questi, “EsosTheatre – Il Teatro degli Essocheletri” e “La Compagnia dei Balocchi” specializzata in musical all live che l’anno scorso ha conquistato la medaglia di bronzo in Coppa Italia Performer, entrando di diritto tra i campioni che si confronteranno in Coppa Europa. La Coppa Europa, prevista per quest’anno, sempre a causa del COVID-19, è slittata al 2021.

Neri dirige anche la “Stagione della Luna” che si svolge a Messina e il laboratorio teatrale multidisciplinare del Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto.

Un video per gareggiare nel campionato provinciale

Il campionato provinciale è il primo passaggio obbligatorio per tutti coloro che non hanno mai partecipato prima alle selezioni. Negli anni scorsi si è svolto dal vivo, ma quest’anno, a causa delle restrizioni imposte dal contenimento del contagio da Coronavirus, si fa online.

Sia il concorrente singolo, sia il gruppo che si candida dovranno realizzare un video con la propria esibizione. I video dovranno poi essere caricati su una piattaforma online di Fipass che in questi giorni si sta configurando.

Tutti gli interessati possono quindi contattare già il responsabile provinciale Sasà Neri (anche all’indirizzo email neri.itam@gmail.com) per avere aggiornamenti e chiarimenti.

Dal campionato provinciale alla Coppa Italia

Nel campionato provinciale non si assegnano premi, ma attestati che certificheranno la classe del partecipante: principiante/i (classe C), intermedio/i (classe B), avanzati (classe A). Soprattutto, la giuria di esperti valuterà se i candidati siano o meno idonei a passare al secondo livello della gara, quello regionale, dal quale i selezionati saranno chiamati a competere in Coppa Italia.

Per chi non ha mai partecipato è importante conoscere anche gli obblighi correlati all’iscrizione: il singolo deve affiliarsi alla CSAIn (Centri Sportivi Aziendali e Industriali), o alla stessa Fipass versando una quota di 15,00 euro l’anno. Poi potrà iscriversi alla gara versando la quota di iscrizione di 10,00 euro per ogni settore nel quale gareggia. Le compagnie verseranno per l’affiliazione 50,00 euro l’anno più le stesse quote per ogni singolo componente.

Campionato provinciale: scadenza il 20 settembre

Per partecipare al campionato provinciale di Messina c’è tempo fino al 20 settembre.

Dal 25 al 27 settembre si terrà infatti la selezione regionale siciliana in una sede ancora da definire, ma che sarà ovviamente sull’isola.

Ma il bello è che la Coppa Italia – che sarà seguita da un primario network televisivo nazionale, ancora top secret per vincolo di contratto – avrà luogo a Catania dal 26 al 31 ottobre di quest’anno. Per tutti i candidati siciliani, insomma, la partecipazione è agevolata dalla vicinanza delle sedi di selezione.

Dal performer al circense, dal duo alla compagnia

Ci si può candidare in diversi settori: performer completo (l’artista che dimostrerà capacità tecnica ed interpretativa in almeno due materie delle arti performative, nella stessa performance), performer specializzato in canto (l’artista che dimostrerà una capacità e una presenza scenica classiche di un performer, ma con una capacità tecnica prettamente legata alla sezione “canto”), performer specializzato in recitazione (l’artista che dimostrerà una capacità e una presenza scenica classiche di un performer, ma con una capacità tecnica prettamente legata alla sezione “recitazione”), performer specializzato in danza (l’artista che dimostrerà una capacità e una presenza scenica classiche di un performer, ma con una capacità tecnica prettamente legata alla sezione “danza”), performer di arti circensi (l’artista che dimostrerà una capacità e una presenza scenica classiche di un performer, ma con una capacità tecnica prettamente legata alle seguenti sezioni: clowneria, giocoleria, acrobatica, discipline aeree, ginnastica, illusionismo…), compagnia piccola (composta da un minimo di 3 artisti/atleti, ad un massimo di 5 e la cui performance può concentrarsi su una o più discipline, anche suddivise fra gli artisti, per esempio con due che ballano, uno che recita, due che cantano), compagnia grande (composta da un minimo di 6 artisti/atleti la cui performance può concentrarsi su una o più discipline, anche suddivise fra gli artisti), duo (composto da 2 artisti/atleti la cui performance può concentrarsi su una o più discipline, anche suddivise fra gli artisti).

Per rendere possibile concretamente la presentazione di tutti gli ensemble interessati, dati i vincoli di distanziamento, Fipass ha trovato una soluzione ad hoc: compagnie piccole e grandi e duo possono inviare video di esibizioni precedenti, poiché, se ammessi come idonei, una volta arrivati alla fase regionale/nazionale non è necessario che portino le stesse performance del video.

Generi, categorie, classi: ecco come si entra in gara  

La suddivisione in settori si incrocia poi con quella in generi: maschile o femminile per i singoli, misto per compagnie e duo. Ma anche con quella in classi (dai principianti agli avanzati). E, soprattutto, con quella in categorie, che si basa sull’età dei concorrenti. Per i singoli si tratta di quattro categorie: anni 6/11, 12/15, 16/18 e over 19. Per il duo c’è una categoria unica. Per le compagnie le categorie sono due (e sono basate sull’età media dei componenti): under 15 anni e over 16 anni.

La durata della performance, vincolo “assoluto”

Nel regolamento del campionato provinciale particolare attenzione è data alla durata delle performance che si presentano in video. E che è la stessa delle performance che si porteranno dal vivo nelle selezioni successive, compresa la Coppa Italia.

Questi i limiti di tempo: 5 minuti per le compagnie grandi, 3,30 minuti per le compagnie piccole, 2 minuti per i duo, 2 minuti per i singoli specializzati in canto o in danza, 3,15 minuti per le performance in arti circensi, 2,30 minuti per i singoli specializzati in recitazione, 2,30 minuti per il performer completo.

I premi “finali” e i vari step di gara

Partecipare al campionato provinciale, quindi, significa candidarsi per le selezioni regionali e, da queste, alla Coppa Italia.

I primi tre classificati della selezione regionale e i primi sei classificati alla selezione nazionale accedono di diritto al livello superiore: se sono principianti diventano intermedi, se intermedi diventano avanzati. Inoltre i primi 12 finalisti di ogni classe e categoria della Coppa Italia hanno accesso alla Coppa Europa.

Ma non è tutto. In Coppa Italia infatti oltre alla Coppa per il vincitore assoluto e alle medaglie del podio per i singoli settori, dall’oro all’argento al bronzo, sono tanti i premi importanti: c’è una card da spendere in servizi di specializzazione forniti dalla Fipass, ci sono masterclass da frequentare in Italia, a Londra, a Broadway, ci sono contratti di lavoro sempre in Italia, a Londra e a Broadway.

Last but not least, qualsiasi artista o ensemble artistico, anche non in gara, durante la Finale di Coppa Italia potrà acquistare uno spazio per promuovere e vendere i propri spettacoli.

Edizioni

x