« Torna indietro

Arrigo Levi insieme a Napolitano

E’ morto Arrigo Levi, aveva 94 anni. È stato per 5 anni direttore de La Stampa

E’ scomparso questa mattina a Roma, all’età di 94 anni, il giornalista scrittore Arrigo Levi. Personaggio di grande spessore culturale ed equilibrio nella sua lunga attività professionale che lo ha portato a dirigere il quotidiano La Stampa. Ma non solo. E’ stato il consigliere fidato ben due presidenti della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi e Napolitano. 

Per cinque anni, dal ’73 al ’78, come abbiamo ricordato ha direttoLa Stampa. Ma non è stato l’unico incarico di prestigio. E’ stato editorialista del Times e autore di una rubrica su Newsweek direttamente in inglese. Ma è stati anche conduttore televisivo e coordinatore dei Tg Rai, realizzando storiche dirette di avvenimenti unici, come Guerra dei sei giorni combattuta nel 1967 tra arabi e israeliani e l’invasione sovietica della Cecoslovacchia nel 1968.

Autore di 26 libri, libri, tra cui ricordiamo: Dialoghi sulla fede (2000), America Latina: memorie e ritorni (2004), Cinque discorsi fra due secoli (2004), Un paese non basta (2009). Ha ottenuto il Premio Trento per il giornalismo (’87), il Premio Luigi Barzini come miglior corrispondente (’95) e il Premio Ischia Internazionale (2001). Nel racconto fornito all’Ansa da chi lo ha seguito fino all’ultimo istante,  «Prima di morire, nella stanza d’ospedale dove ha passato gli ultimi giorni prima del trasferimento a casa nella capitale, ha cantato l’inno d’Israele (La speranza) e una filastrocca modenese che probabilmente gli era cara dall’infanzia. Arrigo levi, infatti, era originario di Modena dove si svolgeranno il funerale in forma strettamente privata. 

Edizioni

x