« Torna indietro

Da ottobre a Livorno riprende il servizio di scuolabus e parte il Pedibus

Con l’inizio della scuola riprende anche il servizio di trasporto scolastico del Comune di Livorno. Al fine di rispettare le normative nazionali e regionali che prevedono il distanziamento sociale di un metro anche a bordo dei veicoli, la capacità dei mezzi di trasporto scolastico viene ridotta di fatto al 65%.

Il servizio di trasporto scolastico e dei disabili è appaltato dal Comune di Livorno dal 2016 e fino a giugno 2021 a un’Associazione Temporanea di Imprese costituita da B&B, 3° Millenium Travel srl, CTM Consorzio Toscano Mobilità (che mettono a disposizione veicoli e autisti) e CTT Nord (che svolge il servizio di front office e si occupa delle linee e delle graduatorie di accesso al servizio).

L’anno scorso i ragazzi che hanno usufruito del servizio sono stati 380, quest’anno ci sono state 320 richieste. In questi giorni CTT Nord sta lavorando all’approntamento della graduatoria provvisoria a cui seguirà dal 22 quella definitiva.

Il Comune di Livorno per rispondere alle esigenze legate all’emergenza che determinano la diminuzione dei posti nei mezzi di trasporto, attiverà, dal mese di ottobre un servizio di Pedibus. Quest’ultimo è una sorta di carovana di bambini che vanno a scuola in gruppo accompagnati da un adulto, un autista/controllore che dirige e controlla la fila. La finalità del Pedibus è di ridurre l’impatto del traffico nelle ore di entrata a scuola e di favorire occasioni di socializzazione e di autonomia. L’obiettivo della mobilità dolce è soprattutto quello di ridurre situazioni di assembramento in occasione dell’entrata a scuola e abbattere l’inquinamento.

Il Pedibus sarà affidato ad un soggetto esterno che metterà a disposizione un gruppo di operatori che garantisca turn over e sostituzioni in caso di emergenza. Per ogni Pedibus ci saranno 2 adulti.

I bambini della primaria saranno organizzati con un massimo di 10 bambini per “autista”, mentre con la secondaria con un massimo di 15 ragazzi.

5 le linee individuate, contraddistinte per colori, con partenza da parchi o piazze che permettano il raggruppamento di molti bambini in luoghi distanti non piu di 1 KM dalla scuola di arrivo.

Il soggetto che gestirà il Pedibus in collaborazione con il Comune, organizzerà eventi di disseminazione di questa pratica e di formazione dei genitori e dei volontari interessati a proseguire il servizio e ad ampliarlo.

Per ogni viaggio sarà compilato un giornale di bordo con le presenze dei bambini , da vidimare una volta arrivato a scuola.

L’elenco dei bambini partecipanti deve essere fornito dalle scuole (i genitori riceveranno il materiale informativo a scuola e dovranno fare richiesta). I bambini indosseranno una pettorina di riconoscimento. Il servizio Pedibus sarà gratuito. I percorsi Pedibus riguarderanno le scuole di Villa Corridi (con partenza davanti a Villa Corridi e in Via Spagna), le scuole Dal Borro (con partenza da Via Beppe Orlandi, le scuole Pilo Albertelli, le scuole Micali di Via Marradi, le scuole XI maggio e le scuole Natali (con partenza dal parcheggio scambiatore di Viale della Libertà) e le scuole Micali di Montenero (per gli alunni che arriveranno con lo scuolabus, con partenza da Piazza del Santuario).


Per quanto riguarda invece le richieste del servizio scuolabus, il bando 2020-2021 ricalca in tutto quello degli scorsi anni a parte alcune precisazioni sulle normative covid (riserva di diminuzione posti in base alla normativa anticovid 19). Il bando è scaduto il 6 settembre. Una prima graduatoria provvisoria sarà pubblicata il giorno 15 settembre e quella definitiva il 22 settembre.


Le scuole interessate sono:

    PRIMARIE THOUAR – RODARI – CORRIDI – CARDUCCI – MONTENERO- BANDITELLA

    SECOND 1° GRADO MICHELANGELO – MAZZINI (CORRIDI) – S. SIMONE- BANDITELLA -MICALI (MONTENERO)

    CRITERI DI ACCESSO che vengono usati nel caso che le richieste superino i posti disponibili

    1. Residenza in zone perifiche disagiate elencate nel bando (Cisternino, La Cigna, Puzzolente, Limoncino, Valle Benedetta, Padula, Collinaia, Salviano, Scopaia, La Leccia, Magrignano Popogna, Castellaccio, Monterotondo, Montenero, Via del Pino, Via Curiel, Savolano, Pianacce, Quercianella.) sempre che la scuola non sia raggiungibile con il servizio tpl e la distanza dalla scuola superi il km

    2. Utenti già abbonati al servizio

    3. Utenti più giovani

    Nel caso di parità dei requisiti si procede secondo l’ordine di presentazione

    Utenti 2019 – 2020 n. 380

    Costo € 100 solo andata o ritorno € 200 andata e ritorno (esenzione per isee inferiore a € 5000 con assenza proprietà veicoli e beneficiario di contributo marginalità (risultatne da relazione dei servizi sociali

    Titolo di viaggio viene rilasciato dallo sportello CTT Nord dietro pagamento entro il 30/9


    Le linee guida per il trasporto scolastico emanate il 7 settembre dal DPCM stabiliscono che:

    gli alunni dovranno indossare le mascherine se maggiori di anni 6;

    dovrà essere rispettato il distanziamento sociale di un metro anche a bordo del veicolo;

    dovranno essere adottate alcune misure nella discesa e salita dal mezzo come uso del gel, il far salire e scendere i ragazzi uno alla volta e non prima che il precedente si sia seduto o sia disceso, per evitare assembramenti.

alle misure di distanziamento è possibile derogare solamente in due casi: 1) per un tragitto massimo a massima capacità di capienza di durata non superiore a 15 minuti 2) nel caso in cui il mezzo non presenti sedute faccia a faccia e sia, quindi, possibile che gli utenti siedano in fila uno dietro l’altro singolarmente.


Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale nelle fasce di entrata e uscita dalla scuola, la situazione non desta preoccupazione. Dopo molte interlocuzioni tra Comune e scuole superiori, molti istituti adotteranno responsabilmente orari scaglionati, e in più il servizio LAM sarà potenziato con quattro mezzi, dalle quattro direttrici, nelle ore di punta.

Il Comune ha stanziato 100.000 euro proprio per il potenziamento del servizio, qualora i contributi regionali non dovessero essere sufficienti.

x