« Torna indietro

famiglia welfare assegno

Famiglie venete: aiuti a orfani, genitori soli, nuclei numerosi

Nuove modalità quest’anno per gli interventi regionali a sostegno delle famiglie fragili del Veneto. Anticipando quanto previsto dalla nuova legge regionale a sostegno della famiglia in vigore da quest’anno e la prossima istituzione del ‘quoziente familiare’, la Giunta regionale del Veneto ha affidato ai 21 Ambiti Territoriali Sociali (le ex Ulss), d’intesa con i Comuni, la gestione degli interventi economici per le famiglie  numerose, i genitori separati o divorziati, gli orfani, i nuclei in difficoltà economica.

Il programma di interventi, che vale 4.180.000 di euro per il 2020, si rivolge in particolare 

  • ai genitori soli, separati  o divorziati offrendo un contributo di mille euro per il canone di affitto o per far fronte a servizi educativi e scolastici e a bisogni primari; 
  • ai nuclei familiari con figli orfani di uno o entrambi i genitori, con contributi di mille euro per ogni figlio in minore età;
  • alle famiglie numerose con quattro o più figli e a quelle con parti trigemellari, con contributi di 125 euro a figlio per le famiglie numerose, e di 900 euro per le famiglie con tre gemelli (fino al compimento del 18° anno di età), 
  • alle famiglie in difficoltà economica con contributi di 75 euro per ogni figlio iscritto ad associazioni ed enti di promozione sportiva.

Potranno presentare domanda ai propri comuni di residenza i nuclei familiari con Isee fino a 20 mila euro e che siano residenti in Veneto.

I sostegni economici saranno cumulabili: ad esempio, una madre vedova, con quattro figli minori e con un’abitazione in affitto, potrà accedere al sostegno regionale per tutte e tre le linee di intervento.

L’eventuale presenza nel nucleo familiare di portatori di handicap o di malati cronici e la residenza in Veneto da almeno due anni costituiranno criteri di priorità nell’assegnazione dei contributi. Il punteggio raddoppierà (da 5 a 10 punti)  se i richiedenti risiedono in Veneto da più di dieci anni. Particolari requisiti di priorità (15 punti) saranno riconosciuti, inoltre, agli orfani di vittime di femminicidi e agli orfani con disabilità.

In base alle nuove modalità di gestione del fondo regionale, le famiglie dovranno rivolgersi direttamente ai Comuni di residenza per conoscere modalità e tempi per presentare istanza.

x