« Torna indietro

usura

Guardia di Finanza 26-09-2013

Usura con tassi fino al 300%, la Gdf arresta un uomo e una donna

Usura con tassi fino al 300% e tentata estorsione. Sono queste le accuse che hanno portato all’arresto di un uomo e di una donna da parte della Guardia di Finanza di Firenze.

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze hanno, infatti, dato esecuzione a un’ordinanza del Gip del Tribunale di Firenze, Angela Fantechi, emessa su richiesta del sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Firenze, Giuseppe Ledda, con cui si dispone l’applicazione delle misure degli arresti domiciliari e del divieto di avvicinamento alla persona offesa rispettivamente nei confronti di un uomo e una donna, per usura e tentata estorsione.

Contemporaneamente è stata data esecuzione anche al sequestro degli interessi usurai corrisposti.

L’usura anche durante il lockdown

L’articolata attività d’indagine, svolta dal 2° Nucleo Operativo Metropolitano di Firenze sotto la direzione della Procura della Repubblica di Firenze, è nata durante il periodo di lockdown, nell’ambito delle azioni che la Guardia di Finanza svolge costantemente al fine di evitare che la criminalità possa approfittare di stati di difficoltà dei cittadini e delle imprese.

La vittima si era avvicinata all’usuraio attraverso una collega di lavoro per una cifra modesta utile a far fronte ad alcune spese correnti. Ma aveva subito rapidamente pressanti richieste di interessi sempre maggiori, sino ad arrivare a un tasso del 300% annuo, nonché intimidazioni e minacce.

L’indagine delle Fiamme Gialle fiorentine, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Firenze, ha permesso di interrompere immediatamente l’attività usuraria e arrivare in breve tempo all’arresto del soggetto.

Edizioni