« Torna indietro

Partito democratico e dialogo costruttivo con l'industria: una diretta abruzzese

Palumbo e Romano, variante stradale all’abitato di Sassa: “Chiediamo di confrontarci nel merito delle scelte progettuali”

Il consigliere comunale Stefano Palumbo e il consigliere provinciale Paolo Romano scrivono in una nota: “Approda nei rispettivi Consigli l’accordo di programma tra Comune e Provincia dell’Aquila per la realizzazione della variante stradale all’abitato di Sassa. Una deliberazione fatta, come al solito, bypassando il confronto istituzionale con chi dall’opposizione chiede da anni un intervento indispensabile per l’area ovest della città; al presidente della Commissione territorio comunale e consigliere provinciale con delega alla viabilità, Luca Rocci, chiariamo che non si può rivendicare una accelerazione dell’iter nel tentativo di nascondere tre anni e mezzo di inspiegabile inerzia, rispetto ad una intesa già intavolata nel 2017 dalle precedenti amministrazioni, con relativa individuazione delle necessarie risorse. Si tratta di un atteggiamento poco rispettoso nei riguardi di chi è in attesa della convocazione della commissione territorio, che è stata richiesta sull’argomento da un anno, ma soprattutto irriguardoso verso tutti quegli abitanti che da decenni chiedono una soluzione al problema. Pretendiamo a questo punto di avere garanzie sui tempi di realizzazione e di confrontarci nel merito delle scelte progettuali, nella speranza che l’amministrazione comunale abbia almeno la sensibilità di tener conto di tutte le valutazioni emerse dal percorso partecipativo fatto nel 2016 con la comunità locale, nell’ambito del Masterplan per la realizzazione del nuovo polo scolastico. A tal proposito va chiarito dalle due amministrazioni come mai non sia stato inserito nell’accordo, che costituisce di fatto anche variante urbanistica, l’acquisizione della nuova area di proprietà dell’Istituto Agrario, e quindi della Provincia, su cui si è deciso di spostare la costruzione del nuovo plesso, rispetto al sito individuato inizialmente“. 

Edizioni

x