« Torna indietro

ATL-ETICA APPLAUDE TAMBERI: 2.32, MIGLIORE AL MONDO

Ad Ancona, nella prima gara con la maglia della società di San Vendemiano, l’altista centra il lasciapassare per gli Europei indoor di Torun: nessuno come lui in questo primo scorcio di stagione. Poi la dedica al nonno scomparso da poco. Martedì 2 febbraio, in Slovacchia, la seconda uscita

 L’aveva promesso: “Insieme ci divertiremo”. E non poteva esserci miglior esordio di quello visto ieri sera, al Palaindoor di Ancona, dove Gianmarco Tamberi, per la prima volta in gara con la maglia di ATL-Etica San Vendemiano, ha saltato 2.32, miglior misura al mondo di questo primo scorcio di stagione.

Un risultato particolarmente significativo a sei mesi esatti dal turno di qualificazione all’Olimpiade di Tokyo (30 luglio) e una prestazione che vale già il lasciapassare per gli Europei indoor di Torun (5-7 marzo), in Polonia, dove “Gimbo” si presenterà da campione in carica.    

Soltanto nell’anno cruciale della sua carriera, il 2016, quello dell’oro mondiale indoor di Portland, dell’oro europeo di Amsterdam e del record italiano di 2.39, aveva esordito meglio al coperto (2.35). E, come gran parte delle misure della sua serie (2.22, 2.28), anche il 2.32 è arrivato al terzo tentativo, quando Gianmarco si è ritrovato con le spalle al muro. 

Ho saltato per mio nonno che ci ha lasciati in novembre, era la prima gara senza di lui e glielo dovevo – ha dichiarato a Fidal.it il 28enne marchigiano, tesserato a metà dicembre da ATL-Etica – ho cominciato a piangere da quando ho sentito al telefono mia nonna Graziella all’ora di pranzo, quando mi ha ricordato che nonno Marcello non perdeva nemmeno un mio salto. E anche durante una rincorsa a 2.32 è uscita fuori qualche lacrima”.

Dove non è arrivata la tecnica, Gianmarco ha sopperito con grinta e classe: “Bisogna costruire tanto, tecnicamente purtroppo mi sento ancora molto indietro e se ho saltato tutte le misure alla terza prova è perché a quel punto ho cancellato tutto e ho tirato fuori il carattere. Sono invece soddisfatto dell’efficienza fisica, questa stagione indoor l’abbiamo preparata come si deve”.

Tamberi tornerà in gara già martedì 2 febbraio Banska Bystrica, in Slovacchia : “Non volevo che fosse quello l’esordio, avevo bisogno di qualche verifica prima – ha aggiunto l’azzurro – 2.32 è un buon debutto ma di certo non la misura che voglio per questo 2021. Non devo sedermi. Partirò già domattina (domenica, ndr) per la Slovacchia, e spero in due giorni di riuscire a recuperare a livello nervoso ed emotivo, perché è stata una gara lunga e sofferta. Ma mi serviva”.

Dopo Banska Bystrica, Gianmarco Tamberi sarà in pedana a Nehvizdy (Repubblica Ceca) il 5 febbraio, al meeting di Torun (Polonia) il 17 e di nuovo ad Ancona, nel weekend del 20 e 21 febbraio, per gli Assoluti indoor, l’ultima gara prima della rassegna continentale. Il volo è appena iniziato.

Edizioni

x