« Torna indietro

Contarina vince il premio “Performance operative”

Svolte oggi le premiazioni della 9^ edizione. La società pubblica trevigiana al primo posto tra le public utility a livello nazionale. Il Presidente Sergio Baldin: “Sono stati premiati i risultati raggiunti grazie all’impegno e alla coscienza ambientale che la nostra comunità ha saputo sviluppare in questi anni”

Tra le 100 miglior public utility in Italia, oggi Contarina ha vinto il premio “Performance operative” per i risultati raggiunti nello sviluppo di processi per la gestione dei rifiuti, incentivando il cliente ad una migliore raccolta differenziata in un’ottica di economia circolare. Un importante riconoscimento a livello nazionale che testimonia la validità del sistema di gestione dei rifiuti dove tutti giocano un ruolo fondamentale: cittadini e Amministrazioni e azienda.

Commenta soddisfatto il Direttore Generale di Contarina spa Michele Rasera: “Ogni giorno, ciascuno fa la propria parte per tutelare al massimo il territorio: è un impegno dimostrato dai dati raggiunti – abbiamo stabilmente superato l’88% di raccolta differenziata con una produzione di secco indifferenziato pari a 48kg/annui pro capite – ma anche dagli investimenti messi in campo per lo sviluppo impiantistico e il miglioramento dei servizi offerti. Investimenti che mirano ad aumentare la valorizzazione dei materiali raccolti e a rendere sempre più efficiente la gestione dei rifiuti secondo i principi dell’economia circolare”

Le premiazioni dalla nona edizione di Top Utility si sono svolte oggi in modalità online. E’ stato presentato anche il rapporto di analisi e valutazione delle 100 maggiori utility pubbliche e private italiane attive nei settori di gas, energia, acqua e rifiuti. L’analisi del settore dei servizi pubblici locali operata da Top Utility mette in luce un comparto che gioca un ruolo fondamentale per il sistema economico italiano.

Le 100 utility monitorate, di cui 62% è a capitale interamente pubblico, hanno prodotto nel 2019 ricavi per 102 miliardi di euro, pari al 6% del PIL italiano, con una forza lavoro di quasi 153mila unità e 7,2 miliardi di investimenti volti al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità, allo sviluppo delle infrastrutture e alla digitalizzazione.

Edizioni

x