« Torna indietro

Lega: arriva la campagna di ascolto estiva

“L’Ora della Terra”, il Comune dell’Aquila aderisce all’iniziativa del Wwf in tutto il mondo

Domani sera, per un’ora, sarà spenta l’illuminazione di piazza Duomo. Il Comune dell’Aquila ha aderito alla tredicesima edizione dell’iniziativa “Earth hour”, l’Ora della Terra, lanciata in tutto il mondo dal Wwf per sensibilizzare istituzioni e popolazioni affinché testimonino l’urgenza e la necessità di contrastare ed arrestare il cambiamento climatico.  L’iniziativa gode anche del sostegno dell’Anci. Per l’occasione gli impianti della pubblica illuminazione di piazza Duomo saranno spenti dalle ore 20 e 30 alle 21 e 30 di domani, sabato 27 marzo. In tutto il mondo di celebrerà l’Ora della Terra – Earth Hour. La più grande mobilitazione mondiale per il clima e contro i cambiamenti climatici promossa dal Wwf Internazionale: il gesto simbolico di spegnere le luci di un monumento, una piazza, un’abitazione percorrerà tutto il mondo come ormai avviene dal 2007, quando il Wwf lanciò la prima edizione dell’Ora della Terra a Sidney in Australia. Di anno in anno la mobilitazione è andata crescendo: lo scorso anno, nonostante le gravissime difficoltà derivanti dalle restrizioni adottate da molti Stati a causa della diffusione della pandemia da Covid-19, sono stati ben 190 i Paesi coinvolti e oltre 2 milioni i monumenti, le strade, le piazze, gli edifici istituzionali e privati che si sono spenti per un’ora. 

“Anche quest’anno invitiamo a spegnere le luci per un’ora e a riflettere sull’importanza delle nostre scelte per la salvaguardia della natura e la lotta alla crisi climatica”, dichiara Filomena Ricci, delegato regionale del Wwf Abruzzo. La nostra salute dipende da quella del Pianeta. Lo sapevamo già, ma in questo ultimo anno di pandemia e emergenze ambientali lo abbiamo vissuto sulla nostra pelle. Un Pianeta in salute garantisce tutela alle future generazioni, alle altre specie e contribuisce a combattere il cambiamento climatico, ma la natura non può fare tutto da sola. Oggi più che mai sono fondamentali le scelte di comportamento di ognuno di noi. Per questo serve una mobilitazione globale da parte di tutti per spingere le istituzioni nazionali e internazionali a compiere le scelte necessarie e non più rinviabili per un impegno concreto per la salvaguardia del nostro Pianeta. Ringrazio tutti gli enti e le istituzioni che hanno aderito, e pure i ristoratori, le guide, i rifugi che hanno sempre partecipato all’iniziativa, ma che quest’anno hanno le attività chiuse, un pensiero anche per loro”.  

x