« Torna indietro

Vertenza Salerno Pulita, Rispoli: “E’ emergenza il Sindaco deve prendere una decisione”

Vertenze Salerno Pulita, Comune di Salerno e lavoratori in mobilità del Consorzio di Bacino Salerno 2. “Il quadro è molto chiaro e preoccupante”, ha detto Rispoli, segretario generale del CSA Fiadel provinciale. “Su Salerno Pulita parliamo di qualcosa di assurdo: un’azienda con un giro d’affari di 28 milioni di euro e circa 500 dipendenti, da 20 giorni è senza amministratore delegato. Dunque, si può garantire solo l’ordinaria amministrazione e a stretto giro scadranno i contratto di noleggio dei mezzi e delle altre forniture. Così si rischia la paralisi. A chi giova tutta questa strategia? Ce lo chiediamo da giorni e auspichiamo che il sindaco prenda una decisione definitiva, individuando il successore di Antonio Ferraro per la carica di manager”. Sul Comune di Salerno, c’è un’emergenza personale che va avanti da un anno. “Palazzo di città, attualmente, può contare solo su circa 800 dipendenti. Si tratta di un numero approssimativo, visto che Quota 100 ogni giorno manda in pensione un lavoratore. Questo Comune così è prossimo al collasso, visto che servirebbero almeno 1.200 unità per garantire i servizi essenziali: dal rinnovo delle carte d’identità alla vigilanza del territorio”. Preoccupa anche il caso del Consorzio di Bacino Salerno 2. Ventisette operai, tra i 50 e i 60 anni, il prossimo 1 maggio potrebbero ritrovarsi senza tutele. “Le maestranze sono in mobilità da due anni e l’Ente d’Ambito, che dovrebbe predisporre insieme alla Regione Campania la loro ricollocazione, non risponde alle nostre richieste di incontro. Spero in un segnale delle istituzioni per evitare l’ennesima emorragia di posti di lavoro”. 

x