« Torna indietro

Crisi idrica, incontro tra ATI, Comune, Caltaqua e Genio Civile: piano per gestire l’emergenza estiva

ATI a confronto con Comune, Caltaqua e Genio Civile. Oggetto dell’incontro la pianificazione dell’economia idrica e la gestione della crisi idrica causata dalla siccità. Il sindaco Lucio Greco e il dirigente Tonino Collura hanno voluto rimarcare come la disponibilità dell’Ente sia totale, purchè si scongiuri un’altra estate con i rubinetti a secco.

È una piaga, quella della penuria di acqua, che la città purtroppo conosce bene, ma quest’anno, a causa delle scarse piogge del periodo autunnale e invernale, gli invasi regionali hanno accumulato meno che in passato, motivo per cui, ha fatto sapere Siciliacque, l’acqua invasata e destinata agli usi domestici ed agricoli sarà distribuita in quantità minore. Da qui la necessità di trovare delle soluzioni alternative e correre ai ripari, immediatamente.

“L’Autorità di bacino regionale ha elaborato un piano per gestire l’emergenza estiva – ha spiegato Collura che prevede il ricorso alle fonti inutilizzate, e poichè Caltaqua ha già investito nella potabilizzazione dell’impianto della sorgente di Pantanelli, che permette di erogare 20 litri al secondo e che è pronto all’uso, attendiamo i risultati delle ultime prove di laboratorio e poi lo collegheremo alla rete.

Così facendo, potremo recuperare una parte di quello che Siciliacque non sarà in grado di garantire; il resto del gap pensiamo di colmarlo mediante l’utilizzo della sorgente naturale di Bubbonia. Questo per ovviare al problema nell’immediato, e per tutta l’estate. Caltaqua, però, sta investendo anche nel raddoppio del potabilizzatore di Pantanelli, cosa che ci permetterà di avere una riserva idrica importantissima”.

Il sindaco Greco ha dichiarato di apprezzare molto la costituzione di questo tavolo permanente, che si riunirà di nuovo la settimana prossima per fare il punto della situazione e che vede coinvolti tutti gli attori che hanno potere decisionale sul campo dell’approvvigionamento idrico.

“Dobbiamo assolutamente evitare che, nei prossimi mesi, la città ripiombi nell’ennesima crisi idrica – ha dichiarato nel corso dell’incontro – e voglio lanciare un appello accorato affinché si collabori e si scongiuri tale scenario. Ognuno faccia la propria parte fino in fondo, con il massimo dell’impegno e dell’attenzione, in modo da non acuire ulteriormente i disagi della popolazione in un momento già tanto difficile a causa dell’emergenza sanitaria. Confido nel vostro senso di responsabilità, confermando che siamo disponibili a  qualunque tipo di intervento, basta che la città non patisca la sete”.

x