« Torna indietro

Venezia, al “Morosini” ieri primo giorno di centri estivi. Il doppio di richieste rispetto ai posti

15.6.2021 – L’assessore alle Politiche educative, Laura Besio, insieme al consigliere comunale Emmanuele Muresu, ha fatto visita ieri mattina ai 120 bambini del centro “Morosini” al Lido in occasione del primo giorno di avvio dei centri estivi. Ad accoglierla la presidente dell’Istituzione Centri di Soggiorno, Anna Brondino, e la consigliera d’amministrazione Federica Lugato.

“Dopo il periodo ‘buio’ della pandemia – ha commentato l’assessore – un bel segnale di ripresa e ritorno, in parte, alla normalità ed alla quotidianità. Quest’anno l’auspicio per la città era in primis ripartire, sfida ampiamente superata con un boom di iscrizioni che ci inorgoglisce. Dietro, un lavoro di concerto tra Amministrazione e Istituzione per concentrarsi sull’offerta a partire dalle esigenze delle famiglie. E così, a fronte dei primi numeri in crescita abbiamo rimodulato la recettività per accogliere una cinquantina di famiglie in più rispetto alla prospettiva iniziale”.

Sono pervenute circa 600 domande per l’intera stagione, ben oltre il doppio degli anni precedenti il Covid. “Mi congratulo con la presidente e il CdA per il lavoro svolto sul centro estivo, dalle manutenzioni che hanno reso la struttura sicuramente più accogliente – merita ricordare che tutti i luoghi sono a misura di disabile, spiaggia compresa – ma anche per l’apertura dimostrata nel ripensare i meccanismi dell’accoglimento permettendo l’accesso al maggior numero di bambini. Questo vuol dire lavorare a servizio della città – ha concluso Besio,  riferendosi anche alla riduzione del 10% delle tariffe dei centri estivi deliberata dal CdA per alleggerire le famiglie dalle difficoltà del momento storico.

Il centro estivo è rivolto ai ragazzi dai 6 ai 12 anni. Le attività quotidiane, svolte dall’equipe educativa, sono volte a offrire svago e divertimento, senza tralasciare le finalità educative e favorendo iniziative che valorizzino l’ambiente naturalistico in cui nasce il Centro, attraverso giochi strutturati, di gruppo, laboratori, sport e attività esplorative.

“Dal 2016 la ‘colonia’ del Centro Morosini – ha spiegato la presidente Brondino – è diventata un po’ alla volta un centro estivo, attraverso un’attenta riqualificazione ed un ammodernamento delle strutture, senza gravare sulle casse dell’Amministrazione comunale. L’affidamento del servizio ad una agenzia educativa qualificata ha permesso di migliorarlo e di riqualificare un’offerta pedagogica adeguandola ai nostri meravigliosi spazi. Nel tempo, infatti, si sono susseguite molte attività quali equitazione, tennis, canoa, nuoto, vari laboratori didattici tra cui ‘digital camp’ e un piccolo doposcuola”.

x