« Torna indietro

Crehacktivity, al via la seconda edizione dell’hackathon del Veneto Orientale per mettere in relazione le idee di giovani talenti con le aziende

Il progetto rientra nel “Piano per le Politiche Giovanili” che coinvolge 11 comuni del Veneto orientale, con capofila la Città di San Donà di Piave

6.8.2021 – Il Comune di San Donà è capofila del Piano per le Politiche Giovanili, finanziato dalla Regione Veneto, che prevede lo sviluppo di attività per la prevenzione del disagio giovanile e per la creatività.

Il progetto, rivolto ai giovani, coinvolge i Comuni di Eraclea, Jesolo, Meolo, Musile di Piave, Noventa di Piave, Portogruaro, Pramaggiore, San Michele al Tagliamento, San Stino di Livenza, Teglio Veneto, oltre all’Azienda Sanitaria e alle scuole superiori del sandonatese e del portogruarese.

«Dal momento che i giovani hanno un’elevata creatività nell’individuare soluzioni innovative ai problemi – spiega l’Assessore alle Opportunità Sociali Silvia Lasfanti, insieme con gli Assessori degli altri Comuni –, abbiamo voluto proporre agli enti e alle aziende del territorio, l’Hackathon, una sfida a premi rivolta ai ragazzi del 5° anno scuole superiori e universitari, riuniti in team di 7-8 persone, che gareggiano per definire la soluzione più innovativa ed efficace per le problematiche (reali) poste dalle aziende. Il team che proporrà il progetto più creativo vincerà un premio in denaro.

L’obiettivo è far incontrare ragazzi e mondo del lavoro e far acquisire ai giovani soft skills preziose per l’inserimento lavorativo (problem solving, lavoro in team, approccio multidisciplinare ecc.); l’azienda o l’ente potranno acquisire idee progettuali “fresche” e innovative in un campo di loro interesse ed eventualmente utilizzare questa occasione per il recruiting di risorse da inserire nel proprio organico».

A supportare enti e azienda nell’intero sviluppo delle attività ci sarà Unismart-Fondazione Università di Padova, la fondazione dell’Ateneo nata per promuovere il trasferimento tecnologico e la formazione post-lauream.

Durante il percorso, verranno organizzati, per le aziende/enti partecipanti, dei workshop formativi (non obbligatori, ma di forte utilità) esclusivi, che si concentreranno sull’impatto economico, sociale e imprenditoriale degli obiettivi ONU 2030, nonché sulle opportunità emerse per il post-pandemia COVID-19 per il mondo dell’imprenditoria. Un’occasione importante per approfondire tematiche di estrema attualità per il mondo delle organizzazioni.

Quest’anno saranno 3 gli ambiti tematici all’interno dei quali enti e aziende potranno proporre le loro sfide, in coerenza con gli obiettivi ONU 2030:

a) inclusione sociale

b) innovazione tecnologica

c) sostenibilità ambientale.

Le aziende avranno tempo fino al 10 settembre per manifestare il proprio interesse alla partecipazione all’iniziativa, alla quale farà seguito la fase interlocutoria tra aziende e gli organizzatori del progetto, incontri 1:1 e colloqui per l’analisi delle necessità aziendali e la selezione delle sfide da presentare all’Hackathon.

Le aziende interessate dovranno comunicare la propria adesione tramite l’apposito modulo disponibile sul nostro sito all’indirizzo:

https://www.sandonadipiave.net/myportal/C_H823/dettaglio/contenuto/crehacktivity-2021-il-secondo-hackathon-del-veneto-orientale

L’EDIZIONE 2020:

La prima edizione di Crehacktivity, svoltasi online a causa della pandemia, ha coinvolto circa 30 giovani.

Il primo posto è stato assegnato alla squadra composta da Matteo Bernar – Design, Sara Tonello – Scienze Ambientali, Filippo Maria Fiorini – Ingegneria Energetica e Giampaolo Abate – Psicologia, che si è misurata con la sfida lanciata da Confartigianato Imprese San Donà di Piave, legata alla Casa del Futuro, presentando un’idea innovativa che tiene conto non solo delle esigenze strutturali ma anche dei cambiamenti climatici e del benessere in casa.

Al secondo posto Anastasiia Ermolova – Marketing, Megan Marchi – Psicologia, Marco Ferro – Informatica e Silvio Intersimone – Design hanno sviluppato una proposta di vendita per il brand “Socks Burger & Fries” lanciato da SUN68.

Mentre il terzo posto, per la sfida sulla digitalizzazione di servizi lanciata da

Confcommercio San Donà-Jesolo, è stato assegnato a Angelo Guarino – Economia, Arooj Munir – Ingegneria Aerospaziale, Marco Galberti – Ingegneria dell’Innovazione e Giacomo Chiarot – Informatica.

x