« Torna indietro

“Fossi stato allevato dalle scimmie”, il nuovo singolo di Roberta Giallo

Esce oggi “Fossi stato allevato dalle scimmie” il singolo di Roberta Giallo che anticipa il nuovo album “Canzoni da Museo” in uscita il 3 dicembre per G-ROdischi.

Esce oggi “Fossi stato allevato dalle scimmie” il singolo di Roberta Giallo che anticipa il nuovo album “Canzoni da Museo” in uscita il 3 dicembre per G-ROdischi.

“Canzoni da Museo” è un progetto sui generis, un album di “poesie divenute canzoni”, in cui la cantautrice Roberta Giallo ha scelto di musicare, arrangiare, e dare nuova veste alle liriche di alcuni poeti di fama nazionale ed internazionale per lei fonte di grande ispirazione e “in qualche modo affini”: Giovanni Gastel (Fotografo e poeta, Nipote di Luchino Visconti), Davide Rondoni (Poeta, fondatore del Centro di Poesia Contemporanea), Roberto Roversi (Poeta).

Le ferite del cuore che ci portiamo dentro, noi umani civilizzati educati al sentimento, forse non ci avrebbero tanto afflitto, se fossimo stati allevati dalle scimmie. Forse, alla fine dei nostri giorni, proprio queste ferite riveleranno il senso profondo della vita a noi animali sociali, ormai divenuti “social”. “Fossi stato allevato dalle scimmie non avrei condiviso questa vita con le ferite del cuore”: con questi versi iconici di Giovanni Gastel comincia il viaggio dentro al mio album “Canzoni Da Museo”, in un posto esotico del cuore e dell’immaginazione poetica, con pianoforte, contrabbasso, legno, cori umani e di scimmie“.

In Giovanni Gastel, autore del testo “Fossi stato allevato dalle scimmie”, colpisce la capacità di raccontare la sua vita in modo asciutto e diretto, senza filtri, di raccontare del difficile e travagliato rapporto del padre, dal quale non ebbe mai approvazione, così come alla poesia in cui si descrive come un naufrago, approdato in una terra sconosciuta, di cui non conosce la lingua. 

Al contempo diverte e commuove, osservare come si paragonasse agli animali, in particolare alle scimmie, notando come a differenza di noi uomini non fossero esposte alla nostalgia e alle ferite del cuore, ma vivessero una vita preoccupandosi soltanto di saltare sui rami e mangiare foglie.

“Canzoni da Museo” è stato realizzato con il contributo del Comune di Bologna – City Of Music Unesco e Fondazione del Monte di Bologna a Ravenna.



Bio

Roberta Giallo è una cantautrice, scrittrice e performer teatrale.
Inizia la sua carriera aprendo il concerto di Sting in piazza del Plebiscito a Napoli in diretta su All Music. Viene notata da Mauro Malavasi che la presenta a Lucio Dalla. Insieme lavorano a uno spettacolo e al disco “L’oscurità di Guillaume” che ottiene un grande successo di pubblico e di critica (decretato migliore disco del 2017 da All Music Italia).
Fa incetta di premi: il Premio dei Premi MEI, il Premio Bindi, il premio “Un Certain Regard” Musicultura, il Premio Inedito – Colline di Torino, il Cornetto Free Music Festival by Algida, la Targa Kora Premio Lauzi etc.
Si esibisce nei più importanti teatri e luoghi della cultura, in Italia e all’Estero, portando in scena numerosi concerti e spettacoli con Federico Rampini, Ernesto Assante, Gino Castaldo, Valentino Corvino, Gnu Quartet e come soprano collabora con alcune delle più importanti Orchestre Italiane: Foi Bruno Bartoletti, Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari etc. Si esibisce al MAXXI, alla Repubblica delle Idee (di Roma, Genova, Bologna), al Teatro Comunale di Bologna, al Teatro Vittoria di Roma, al Festival dei Due Mondi di Spoleto, al Parco delle Musica di Roma, al Théâtre des Variétés di Monte Carlo, al Y-Theater di Hong Kong, al Teatro Massimo di Palermo, al Teatro Nuovo Giovanni Da Udine, al Teatro dell’Archivolto di Genova, al Festival Della Filosofia di Carpi, all’Istituto di Cultura Italiano di Los Angeles e Oslo etc.
Nel 2016 presenta il suo singolo Start al Mapei Stadium di Reggio Emilia.
Nel 2018 viene chiamata per rappresentare la Musica italiana nel mondo in occasione del Festival della musica Europea al Make Music Hong Kong svoltosi al Tai Kwun.
Nel 2018 e 2019 parte per un tour mondiale titolato “Astronave Gialla World Tour” che la vede portare in giro per il mondo, in solo piano e voce, le canzoni dell’album “L’oscurità di Guillaume” toccando Hong Kong, Mosca, Kiev, Istanbul, Los Angeles, Ho Chi Min, Singapore, Monte Carlo, Porto, Oslo.
Nel 2019 debutta sul grande schermo nelle vesti di attrice protagonista nel film “Il Conte Magico” di Marco Melluso e Diego Schiavo, per cui riceve la menzione come miglior attrice al Symbolic Art Film Festival di San Pietroburgo.
Lavora alla realizzazione di diverse colonne sonore tra cui il film “Il cuore grande delle ragazze” di Pupi Avati, La ragazza dei miei sogni, etc.
Nel 2021 pubblica con Pendragon il suo primo romanzo dal titolo “Web Love Story”, che ripercorre le vicende che hanno ispirato il disco “L’oscurità di Guillaume”.
Attualmente è in tour con il giornalista e scrittore Federico Rampini nello spettacolo “Morirete Cinesi”, mentre è previsto il debutto a Montecarlo (Théâtre des Variétés – gennaio 2022) dello spettacolo scritto insieme a Ernesto Assante “Il mio incontro con Lucio Dalla”.
Roberta Giallo ha pubblicato come LP “L’oscurità di Guillaume” (2017), “Vicina vicina” (2020); come EP “Di luce propria” (2014); come singoli “Animale” (2015), “Start” (2016), “Amore amor” (2016), “In amore muoio di frontale” (2017).

x