« Torna indietro

Ai domiciliari, imprenditore lombardo continuava a evadere fisco

Nonostante fosse agli arresti domiciliari dopo una condanna definitiva per reati tributari, avrebbe impartito quotidianamente disposizioni per evadere il fisco con fatture false. E coi soldi dell’impresa avrebbe comprato un’imbarcazione, in particolare un “taxi veneziano”, una moto, ma anche pagato “trattamenti estetici” per l’ex moglie e viaggi per i figli. Per reati fiscali e fallimentari è stato arrestato (domiciliari), con altri 2, dalla Gdf di Lecco, nell’inchiesta del pm di Milano Roberto Fontana su debiti tributari per 19 milioni, l’imprenditore Antonio Giuseppe Baldan di Baldan Group, azienda di cosmetica e benessere. 

x