« Torna indietro

copertino

Arezzo, rave party sull’Alpe di Poti: 300 giovani identificati

Pubblicato il 2 Gennaio, 2022

Arezzo. Circa 300 i giovani identificati dalle forze dell’ordine tra i partecipanti al rave party sull’Alpe di Poti, sopra Arezzo, andato avanti per circa 20 ore prima dello sgombero, dalla sera del 31 dicembre al pomeriggio di Capodanno. I 300 dovranno rispondere, oltre che della violazione alle norme anti Covid, di occupazione di suolo pubblico e invasione di terreni ed edifici. I provvedimenti sono in corso di verifica (aggiornamento ore 13 e 56). 

Il luogo scelto per il rave è il vecchio stabilimento dell’acqua Fontemura con il terreno circostante. L’area è interessata da un fallimento. Il curatore fallimentare deve decidere se presentare denuncia. Il rave party è terminato intorno alle 17 dell’1 gennaio e i partecipanti che erano rimasti – il picco massimo secondo le forze dell’ordine è stato di 500 persone provenienti da tutta Italia – hanno lasciato la zona una volta identificati dalle forze dell’ordine, che hanno presidiato l’Alpe di Poti subito fin dalla sera del 31 dicembre. Il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli si è complimentato con le forze dell’ordine e con il prefetto Maddalena De Luca definendo “impeccabile” l’operazione. Sul posto ora restano tanti rifiuti da portare via e smaltire. (fonte: Ansa).