« Torna indietro

Bacino Priula e Comune di Silea contro gli abbandoni: beccati due ecovandali

Pubblicato il 2 Marzo, 2021

Le indagini della Vigilanza Ambientale del Priula, svolte in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Silea e la Polizia Locale, hanno permesso di trovare i colpevoli di un abbandono

2.3.2021 – Le indagini della Vigilanza Ambientale del Priula, svolte in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Silea e la Polizia Locale, hanno permesso di trovare i colpevoli di un abbandono

Grazie all’attività svolta dagli addetti alla Vigilanza Ambientale del Consiglio di Bacino Priula in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Silea e la Polizia Locale, è stato possibile individuare i responsabili di un abbandono pari a circa 2 metri cubi di rifiuto localizzato nella zona adiacente al casello autostradale Treviso Sud.

Le attente indagini hanno consentito di scoprire che i rifiuti abbandonati in via Serenissima e nell’area parcheggio a disposizione degli esercizi commerciali presenti appartenevano a 2 utenze domestiche residenti nel comune di Treviso, non in regola con il servizio di gestione dei rifiuti e recentemente già beccate ad abbandonare sacchetti in un comune limitrofo: per questo nuovo episodio, dovranno ora pagare una sanzione pari a 600 euro ciascuna.

“Il presidio del territorio è un’attività prioritaria della nostra Polizia Locale: le sinergie con altri enti sono fondamentali per essere ancor più coordinati, incisivi e repentini nelle azioni. L’illecito dell’abbandono dei rifiuti è purtroppo un reato contraddistinto da una forte recidività: talvolta all’attività di recupero, segue nuovamente nei giorni successivi una nuova segnalazione sullo stesso punto. L’area adiacente al casello Treviso Sud è già stata oggetto di frequenti controlli, che vanno da attività preventive come le foto trappole e le chiusure, alle attività di indagine sui rifiuti: questa nuova attività di repressione si aggiunge alle molte già effettuate. – dichiara Rossella Cendron, Sindaco di Silea.

Come Amministrazione stiamo anche organizzando un evento di sensibilizzazione attiva diffuso su tutto il territorio, che coinvolgerà associazioni e cittadini: a breve sveleremo i dettagli.”

L’individuazione dei responsabili di questi comportamenti illeciti rappresenta dunque un altro importante risultato nel contrastare il fenomeno degli abbandoni, un successo raggiunto grazie alla proficua sinergia e collaborazione tra Amministrazione Comunale di Silea, Forze dell’Ordine locali e Bacino Priula.

La zona interessata da questo episodio è infatti da tempo oggetto di accertamenti, volti a prevenire situazioni di degrado e scarso decoro urbano; negli anni ciò ha permesso di individuare i responsabili di comportamenti illeciti, anche grazie all’utilizzo di sistemi di videosorveglianza, e di applicare varie sanzioni sia ad alcune attività commerciali locali che non smaltivano correttamente i propri rifiuti, sia a privati cittadini che abbandonavano qui i loro rifiuti.

Per limitare gli abbandoni, recentemente la stessa Polizia Locale ha anche disposto la chiusura dell’accesso all’area dei parcheggi e nelle ultime settimane si sono tenuti incontri tra le autorità competenti per coordinare gli sforzi e contrastare insieme il fenomeno degli abbandoni.

La cura e il rispetto dell’ambiente, infatti, non devono mai mancare in una società che si voglia definire civile, perché chi abbandona i propri rifiuti, prima o poi, viene “beccato” come ben dimostrano questi casi.

Si ricorda che i cittadini possono segnalare eventuali abbandoni a Contarina tramite l’apposito form presente sul sito www.contarina.it o sull’app gratuita ContarinApp oppure telefonando ai numeri 800.07.66.11(solo da telefono fisso, chiamata gratuita) o 0422 916500 (da cellulare chiamata a pagamento): attraverso questi canali, le segnalazioni verranno gestite più rapidamente, sia per una rapida pulizia dell’area evitando così che il rifiuto abbandonato stazioni a lungo e richiami ulteriori accumuli, sia per eventuali indagini da parte della Vigilanza Ambientale e della Polizia Locale.

Skip to content