« Torna indietro

Bufera al comune di Ercolano: dipendente si esibiva in video hot in webcam a pagamento durante l’orario di lavoro

“Striscia la Notizia” incastra una dipendente che sul luogo si lavoro si spogliava in cam.

Una vera “bomba” mediatica è scoppiata nell’ufficio cimitero al comune di Ercolano, dove una dipendente si esibiva in spettacolini hot in webcam, ovviamente a pagamento, durante l’orario di lavoro.

La donna è stata pizzicata da Luca Abete, inviato di “Striscia la notizia”, che ha documentato le esibizioni della donna. Durante gli spogliarelli la dipendente coinvolgeva anche altri colleghi, che si divertivano a palparla mentre era in onda lo “spettacolo” su un sito hot.

Luca Abete è andato direttamente sul posto per parlare con la donna, che ha negato qualsiasi coinvolgimento. Nel video di “Striscia la Notizia” che riprende i video hot si vede la signora rispondere malamente al telefono, perché interrotta durante il suo “show”.

Il sindaco di Ercolano tuona su Facebook: “Un singolo non può gettare fango su un’intera comunità”

L’episodio ha provocato grande rabbia e sconcerto, tanto che il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto ha pubblicato un lungo post su Facebook per annunciare che ci sarà un’indagine interna: “Ho visto il servizio di “Striscia la Notizia!” ed ho provato disgusto, come padre e come rappresentante delle Istituzioni. Quanto è accaduto non ammette nessuna scusante e non resterà impunito.

È vergognoso! Avvieremo subito un procedimento disciplinare nei confronti della dipendente, e di chiunque sia coinvolto o ne sia a conoscenza, valutandone finanche il licenziamento. Il comportamento di un singolo non può gettare fango su una intera comunità che da anni porta avanti la sua battaglia contro ogni forma di illegalità e che punta su cultura e turismo per mettersi alle spalle un passato difficile.

Noi tutti non possiamo permettere che l’immagine della nostra Ercolano venga compromessa in questo modo. Noi siamo la città delle ville del Miglio d’oro, del fascino suggestivo del parco archeologico, della bellezza naturalistica del Vesuvio e dell’eccellenza tecnologica del Mav. Noi siamo Ercolano!”.

x