« Torna indietro

Denunciati due cittadini italiani per truffa aggravata in concorso

Pubblicato il 3 Marzo, 2022

Nella mattinata di ieri il personale dell’ufficio prevenzione Generale e Soccorso Pubblico interveniva in Via Filzi ove una signora richiedeva  il nostro intervento  in quanto durante la nottata le erano state rubate delle scarpe dal pianerottolo della sua abitazione e nella mattinata le ritrovava nella disponibilità di un soggetto successivamente identificato, cittadino del 1997 di Livorno, il quale successivamente veniva deferito in stato di liberà per il reato di ricettazione in concorso con persona rimasta ignota.


Nella tarda mattinata invece la Vol. veniva inviata su segnalazione di un passante in piazza Bartelloni poiché due giovani, a suo dire, stavano perpetrando la truffa dello specchietto ai danni di un uomo anziano. 

Sul posto si rintracciavano i due rei e la vittima. In questi uffici la vittima, un signore del 1941 di Livorno, in sede di denuncia, riferiva che mentre era a bordo della propria ATV veniva avvicinato da un’ATV scura con a bordo due giovani ragazzi, i quali, gli facevano cenno di accostare. Una volta fermatosi gli stessi asserivano che l’anziano aveva urtato il loro specchietto rompendolo. Quindi  gli stessi proseguivano  dicendogli che se si accordavano “tra loro”, con la somma di 100 euro sarebbe finita lì. L’anziano non acconsentiva al pagamento non fidandosi dei due giovani, e poco dopo giungeva in loco la Volante. 

I due rei, uno di   Pistoia del 2003  e l’altro  del 2005  di Roma (RM) , venivano accompagnati presso questi uffici e  deferiti per truffa aggravata in concorso. Inoltre quello del 2003 Pistoia (PT),  veniva accompagnato presso il locale Ufficio Anticrimine per l’avvio del procedimento dell’allontanamento con foglio di via obbligatorio, mentre  quello del 2005  veniva affidato alla di lui madre giunta presso questi uffici. 

x