« Torna indietro

Elezioni: Europa Verde Taranto a sostegno di Rinaldo Melucci

Pubblicato il 31 Marzo, 2022

Per continuare a difendere la salute e l’ambiente’

Nella relazione del presidente Pasca svoltasi durante la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario della Giustizia Amministrativa del TAR Puglia Lecce, sono descritte tutte le ragioni giuridiche per le quali l’ordinanza del sindaco Rinaldo Melucci ha resistito all’impugnazione da parte dell’acciaieria.

Brevemente: la sentenza n.249/2021 ha ritenuto sussistere i presupposti per l’esercizio dei poteri contingibili e urgenti da parte del Sindaco a tutela della salute dei cittadini e in particolare quelli relativi al rischio sanitario per la popolazione, essendo emerse criticità gestionali e procedurali, difetto di manutenzione e frequenti default delle centraline interne di monitoraggio.

La complessa attività istruttoria fondata su dati scientifici ha motivato un’ordinanza sindacale di chiusura dell’area a caldo dell’Ilva diretta a prevenire ulteriori reiterazioni di emissioni anomale in atmosfera, reiterazione valutata come altamente probabile alla stregua di attività istruttoria e di rilevamento dei dati della rete di monitoraggio divenendo irrilevante, ai fini dell’esclusione di responsabilità e della efficienza causale dell’attività posta in essere dalle acciaierie, l’ipotizzata presenza di concause dovuta alla presenza di altre fonti inquinanti.

L’allora sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, firmò l’ordinanza per tutelare la salute e il TAR di Lecce l’ha ritenuta valida perché era ben motivata e fondata su dati scientifici inoppugnabili provenienti da enti di controllo. Purtroppo il Consiglio di Stato ha poi cassato l’ordinanza ma, come ha dichiarato il presidente del TAR Lecce, tale sentenza è  “parte integrante delle ordinarie dinamiche della dialettica processuale tra i due diversi gradi di giudizio”.

L’ordinanza di chiusura dell’area a caldo di Melucci ha dato speranza a una città abituata a non fidarsi dei sindaci e delle istituzioni.Nel 2019 abbiamo sostenuto l’ordinanza di chiusura dell’area a caldo ILVA del sindaco Melucci e continueremo con le donne e gli uomini che si candidano nella lista Europa Verde Taranto a perseguire l’obiettivo di difendere la salute e l’ambiente con Rinaldo Melucci di nuovo sindaco di Taranto. (Comunicato stampa EUROPA VERDE TARANTO)