« Torna indietro

Femminicidio

Femminicidio Vanessa Zappalà 3 mesi dopo: “Principessa, la mamma è sempre con te”

YouTube video

“Principessa di mamma. Ti amo tantissimo. La mamma è sempre con te e tu mi dai tanta forza, cuore mio”. Antonella è la madre di Vanessa Zappalà. Non riesce, non può darsi pace. Sua figlia una delle vittime di femminicidio: “La mamma è sempre con te”, scrive. Perché non si può accettare l’assenza.

Femminicidio
Vanessa Zappalà

E noi siamo andati dove Vanessa sembra ancora presente. Per sempre 26enne. Soffia il vento dove il criminale che si è poi suicidato ha deciso di ucciderla, di eliminarla, di strapparla via a chi la amava davvero. A chi continua ad amarla, davvero.

Vanessa Zappalà, massacrata a colpi di pistola dall’ex Antonino Sciuto mentre passeggiava con le amiche sul lungomare di Acitrezza. Quell’ex che non accettava la decisione della giovane di Trecastagni, centro della provincia etnea dove abitava e dove lavorava in un panetteria, di non volere continuare la relazione. Quell’ex che sul suo profilo Facebook pubblicava immagini inquietanti, così come quella di una donna con la pistola puntata alla tempia da un uomo con sulla schiena tatuato “I love you”, “Ti amo”…

Si trovava dove vedete, dove la spensieratezza è stata trasformata in terrore. E orrore. Dove domani pomeriggio i Coordinamenti Donne di Cgil, Cisl e Uil di Catania celebreranno la ricorrenza della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. Hanno scelto quello che, purtroppo, è diventato un luogo simbolo della grettezza umana, dell’abisso ha divorato anche Vanessa e che altre divorerà se non si metterà mano a quelle leggi invocate, necessarie; se non si attiveranno dispositivi che con certezza, fermezza permettano alle donne di denunciare con fiducia e di essere, veramente, protette.

Femminicidio
x