« Torna indietro

IMBRATTATA CON SCRITTE OFFENSIVE LA SEDE CGIL DI MONTECATINI (PISTOIA). “ENNESIMO EPISODIO VERGOGNOSO”

Pubblicato il 27 Settembre, 2022

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato.

Imbrattata la sede Cgil di Montecatini con scritte offensive. Il segretario generale Cgil Pistoia Daniele Gioffredi: “Vigliacchi, continueremo a difendere lavoro e salute”. La segretaria generale Cgil Toscana Dalida Angelini: “Ennesimo episodio vergognoso contro le nostre sedi, non smetteremo di fare il nostro mestiere, l’8 ottobre tutti in piazza a Roma”

E’ stato imbrattato a bomboletta spray l’esterno della sede Cgil di Montecatini (Pistoia) con simboli di “W” all’interno di un cerchio e con scritte offensive, intimidatorie ed equiparanti il sindacato al nazismo: la scoperta è stata fatta stamattina dai lavoratori e dalle lavoratrici della struttura. Il vile gesto è già stato denunciato alle autorità e le scritte saranno cancellate. “Siete dei vigliacchi. Non ci lasceremo intimidire. Evidentemente c’è chi si sente autorizzato a fare questo tipo di cose, noi le denunceremo sempre e vigileremo, la politica e gli organi competenti prestino la necessaria attenzione a questi fenomeni. Di sicuro noi continueremo a difendere il diritto al lavoro e alla salute”, ha detto il segretario generale di Cgil Pistia Daniele Gioffredi.
“Venerdì scorso una bandiera fascista appesa alla sede Cgil di Camucia, in provincia, di Arezzo, oggi sede imbrattata con scritte intimidatorie a Montecatini, in provincia di Pistoia. Siamo vicini ai lavoratori e alle lavoratrici della struttura. Le nostre sedi da tempo sono oggetto di attacchi di vario tipo, dai neofascisti agli estremisti no vax, e l’elenco di questi episodi vergognosi si aggiorna continuamente – ha ricordato la segretaria generale di Cgil Toscana Dalida Angelini -. Si mettano l’animo in pace gli autori di queste gesta vigliacche: la Cgil non smetterà di fare il suo mestiere. E l’8 ottobre saremo in piazza a Roma per spingere la politica ad ascoltare il lavoro, a un anno dall’assalto squadrista alla nostra sede nazionale”

Skip to content