« Torna indietro

UFO GENOVA FOCE

La Nasa indaga sugli Ufo: renderà pubblico uno studio dopo le segnalazioni del Pentagono

Dopo l’interesse per il fenomeno Ufo dell’intelligence Usa e il Congresso, adesso anche l’Agenzia spaziale americana ha dichiarato di voler cercare di studiare per chiarire scientificamente gli avvistamenti di “Velivoli non identificati”. Secondo un rapporto del Pentagono gli “avvistamenti” sarebbero sempre più numerosi da 20 anni a questa parte e gli Ufo sono stati il tema centrale di un report nel 2021 stilato dall’intelligence americana,

Pubblicato il 10 Giugno, 2022

Dopo l’interesse per il fenomeno Ufo dell’intelligence Usa e del Congresso, adesso anche l’Agenzia spaziale americana ha dichiarato di voler studiare per chiarire scientificamente gli avvistamenti di “Velivoli non identificati”. Secondo un rapporto del Pentagono gli “avvistamenti” sarebbero sempre più numerosi da 20 anni a questa parte e gli Ufo sono stati il tema centrale di un report nel 2021 stilato dall’intelligence americana, secondo il quale non potevano esserci prove certe dell’esistenza di forme di vita extraterrestre. I Servizi americani però avevano dovuto ammettere che diverse segnalazioni – specialmente quelle che provenivano da piloti civili e militari – non sono al momento spiegabili.

Arriva l’indagine scientifica della Nasa

Adesso arriva l’annuncio di un’indagine scientifica dell’Agenzia spaziale americana che – a partire dal prossimo autunno – affronterà l’argomento e proverà a dare delle risposte dal punto di vista scientifico. La mission dichiarata degli scienziati non sarà dare una risposta al fatto se c’è vita nell’universo ma piuttosto, lo studio, cercherà di capire e spiegare cosa sono i “fenomeni aerei non identificati”. L’indagine coinvolgerà esperti scientifici e dell’aeronautica – hanno dichiarato dalla Nasa – e avrà un budget di 100mila dollari e si concluderà con un rapporto pubblico alla fine dello studio. La ricerca raccoglierà quanti più dati possibili e informazioni dai governi, dalle aziende private, dalle associazioni e anche da tutte quelle persone che potranno fornire informazioni utili. (Immagine di repertorio)