« Torna indietro

La Reggina ferma la capolista allo “Zini”: gli amaranto con testa e cuore oltre gli ostacoli

Pubblicato il 2 Aprile, 2022

Una partita condizionata dall’arbitraggio con una (seconda) mancata espulsione ai danni della Cremonese

Una partita che ha visto due squadre lottare e dare il tutto per tutto fino al 94′ quella andata in scena allo Zini tra Cremonese e Reggina, conclusa sul risultato di 1-1.

Partenza con record per gli amaranto che con Folorunsho sfiorano la rete del vantaggio su palla persa da Bianchetti; il calciatore atterra l’avversario e guadagna il cartellino giallo dopo il primo minuto di gioco. Lo sprint iniziale della Reggina si ripropone due minuti dopo con Amione ma Carnesecchi si rivela miracoloso sul pallone calciato dal difensore argentino. La partita si infiamma intorno al 20′ con un clamoroso errore dell’arbitro Abbattista che non estrae il secondo cartellino giallo per Bianchetti dopo un intervento su Folorunsho da ammonizione evidente. Veementi le proteste di Crisetig e compagni che però non vengono ascoltate dal direttore di gara.

Seconda frazione di gioco che vede i padroni di casa iniziare molto bene mentre la Reggina scende in campo tramortita. Da un calcio di punizione causato da Crisetig che la Cremonese trova la rete del vantaggio con Ciofani. Sugli sviluppi della punizione l’attaccante fa passare il pallone sotto le gambe di diversi difensori amaranto, realizzando la rete dell’1-0. La Reggina non ci sta e Stellone schiera in campo l’artiglieria pesante con Ménez, Galabinov, Montalto, Kupisz e Adjapong, sfruttando il vantaggio numerico in campo con l’espulsione di Crescenzi al 71′. L’arbitro Abbattista anche nella medesima situazione decide di estrarre solo il cartellino giallo, venendo in seguito richiamato al Var ed estraendo il cartellino rosso per il fallo pericoloso su Hetemaj. È negli ultimi dieci minuti che la Reggina bombarda l’area di rigore avversaria non trovando però la rete in alcun modo. Il pareggio arriva su calcio di rigore procurato da Kupisz e calciato da Galabinov.

Un punto a testa che fa sorridere più la Reggina rispetto alla Cremonese che rimane comunque nella prima posizione della classifica. La Reggina arriva a quota 44 punti e stacca ormai la zona play-out in attesa della penalizzazione e pronta a preparare la sfida di martedì in programma al Granillo contro il Benevento.