« Torna indietro

Maresca si presenta: “Al Parma solo chi è contento di venire. Vogliamo comandare il gioco”

Pubblicato il 27 Maggio, 2021

Talento e capacità, e una promessa: il primo posto. Enzo Maresca è il nuovo allenatore del Parma per l’avventura in serie B della prossima stagione, e il presidente Krause prende quella promessa a metà tra verità e battuta. bbiamo trovato il soggetto che rispecchia i requisiti. “La persona selezionata è una persona molto richiesta per il suo talento e le sue capacità. Mi ha garantito che finiremo il campionato come primi, ma qualcuno mi ha detto che era una battuta”, ha detto il numero uno del club.

E il neo tecnico parmense spiega i motivi che lo hanno spinto ad accettare la panchina del suo ex club: “Sono venuto qua da calciatore, so che significa giocare in questo stadio. Quello che mi ha spinto ad accettare questa sfida è la possibilità di creare l’entusiasmo che ho visto da giocatore qui. Potrei elencare tanti motivi per i quali sono arrivato qui, ho entusiasmo e la consapevolezza di poter fare qualcosa di importante. Sono un allenatore che delle idee irrinunciabili, ho principi di gioco come tutti“. Ecco, e allora che Parma sarà quello di Maresca? “Proveremo a comandare il gioco. Non mi piace tanto parlare di moduli e di numeri, mi piace ragionare su spazi e posizioni, modi diversi di attaccare”.

L’ex Juventus e Torino ha firmato un contratto di tre anni, e spiega le mosse dell’immediato futuro: “Abbiamo ragionato con la società su diversi argomenti: di mercato ad esempio. I profili di cui ho bisogno saranno trovati da scouting e direttori. Parma deve diventare un posto dove la gente deve aver voglia di venire. Ci deve essere l’arroganza giusta tra virgolette di voler prendere calciatori importanti.  Lo staff? E’ quasi fatto. Qualcuno viene dall’esperienza con me in Inghilterra, voglio portare gente che mi sappia migliorare”. La Under 23 del Manchester City, da lui condotta, ha infatti vinto il titolo inglese di categoria. Un biglietto da visita non da poco su cui riporre le speranze crociate per la nuova stagione che verrà.

Stefano Ravaglia

Skip to content