« Torna indietro

Marina di Carrara, lo yacht lungo 140 metri, secondo gli Usa, potrebbe essere di Putin

Un nome da Mille e una notte, Scheherazade, per lo yacht da sogno di Vladimir Putin che, sulla base dei “primi indizi” acquisiti dalle agenzie di intelligence statunitensi, si trova nel porto di Marina di Carrara. La stessa intelligence Usa, secondo il New York Times, non ha reso noti i dettagli che collegano lo yacht al presidente russo: non sappiamo se ne abbia fatto uso e quanto spesso e spiega che Putin potrebbe controllarlo attraverso complessi schemi societari.

Pubblicato il 12 Marzo, 2022

Un nome da Mille e una notte, Scheherazade, per lo yacht da sogno di Vladimir Putin che, sulla base dei “primi indizi” acquisiti dalle agenzie di intelligence statunitensi, si trova nel porto di Marina di Carrara. La stessa intelligence Usa, secondo il New York Times, non ha reso noti i dettagli che collegano lo yacht al presidente russo: non sappiamo se ne abbia fatto uso e quanto spesso e spiega che Putin potrebbe controllarlo attraverso complessi schemi societari.

La notizia arriva dal New York Times, che ha già parlato delle indagini delle autorità italiane (dalla Gurdia di Finanza non arrivano notizie) per rintracciare il proprietario e capire se sequestrare, lo yacht sulla base delle sanzioni imposte alla Russia.

Questo panfilo di lusso, lungo 140 metri, ha una stazza di 10.167 tonnellate e vale almeno 700 milioni di dollari. E’ dotato di una piattaforma di atterraggio per elicotteri e un sistema per intercettare i droni. L’ultimo utilizzo di Putin risale al periodo estivo del 2020 e del 2021; il panfilo è stato, infatti alla fonda. a Sochi, sul Mar Nero, dove il presidente russo ha trascorso molto tempo, nel corso della pandemia.

The Italian Sea Group: “il soggetto contraente non rientra tra quelli colpiti da sanzioni internazionali”

The Italian Sea Group è una società della nautica di lusso con sede in Toscana: proprio da loro, arriva una smentita, lo yacht non apparterrebbe al presidente russo: “dobbiamo ancora incassare 6 milioni di euro relativi al saldo consegna nave, prevista nei primi mesi del 2023, fanno sapere dalla società; il soggetto contraente non rientra tra quelli colpiti da sanzioni internazionali“.

Scheherazade in cantiere per attività di manutenzione

Lo Scheherazade al momento è in cantiere per attività di manutenzione ma anche dalla società di manutenzione non arrivano chiarimenti sulla proprietà effettiva del panfilo.

Foto di repertorio

x