« Torna indietro

Mestre, al Teatro Toniolo tornano le risate con la rassegna “E’ Sempre Una Bella Stagione – I Comici”

19.10.2021 – Al Teatro Toniolo dal 5 dicembre si alza il sipario sulla comicità d’autore. Il Settore Cultura del Comune di Venezia, in collaborazione con Venezia Eventi, propone un ricco cartellone con dodici spettacoli dei migliori artisti del panorama nazionale. I protagonisti che si alterneranno sul palco saranno: Debora Villa, Enrico Bertolino, Giovanni Vernia, Drusilla Foer, Ennio Marchetto, Francesca Reggiani, Oblivion, Antonio Ornano, Paolo Cevoli, Katia Follesa con Angelo Pisani, Giacomo, Paolo Migone.

“Una carica di ironia, gioia e risate con i migliori caratteristi italiani – commenta la presidente della Commissione consiliare Cultura Giorgia Pea – Il Teatro Toniolo si conferma una realtà culturale di respiro nazionale per offerta e pubblico. Grazie a tutti coloro che lavorano e collaborano con noi in questo progetto artistico e culturale per garantire una programmazione di alto livello adeguata alla tradizione di questo luogo. Dopo i duri mesi di chiusura e di capienza ridotta, ora finalmente in scena l’emozione e l’allegria di tornare insieme in sala”.

Apre la programmazione, domenica 5 dicembre, Debora Villa che festeggia quest’anno 20 anni di carriera, con un Recital che raccoglie il meglio del suo repertorio dalle gag sull’universo femminile e sulla varia umanità. Passate le festività natalizie l’8 gennaio Enrico Bertolino è in scena nella triplice veste di comico, narratore ed esperto di comunicazione. Racconta potenti e impotenti e li inquadra in un pretesto narrativo che spazia dalla cronaca alla Storia. Giovanni Vernia, che con le sue irresistibili maschere ha conquistato tv e web, presenta il 13 gennaio uno spettacolo in cui racconta da dove nasce la sua “follia comica”. Un esercizio di leggerezza intelligente, dove la storia personale dell’artista, si sovrappone ad un divertentissimo ma acuto viaggio attraverso i luoghi comuni di questi strani tempi moderni.

Drusilla Foer il 29 gennaio prosegue il suo viaggio nelle vesti di Madame Foer, raccontando gli aneddoti tratti da una vita straordinaria vissuta tra l’Italia, Cuba, l’America e l’Europa, e costellata di incontri e grandi amicizie con persone fuori dal comune e personaggi famosi, fra reale e verosimile, alternando al racconto biografico musica e canzoni. Maestro indiscusso del trasformismo teatrale, il veneziano Ennio Marchetto, vecchio amico del Toniolo, porta il 12 febbraio i suoi celebri costumi di carta, con i quali dà vita ad uno spettacolo che è una vera e propria Babilonia di creatività. Francesca Reggiani il 17 febbraio porta il nuovo spettacolo “Gatta morta”, precisando però di non identificarsi con il titolo. Un “one woman show” sui ruoli uomo e donna, dai formidabili risvolti comici, che assicura risate a volontà. L’”Ornano Furioso” è il nuovo spettacolo di Antonio Ornano, in programma il 4 marzo: un monologo di stand up comedy che rappresenta un’ulteriore tappa, forse l’ultima, di un personalissimo viaggio alla scoperta delle fragilità umane.

Paolo Cevoli l’11 marzo racconta la sua storia personale di padre e di figlio paragonata con ironia e leggerezza ai grandi classici. Per raccontare la Sagra famiglia. Che come tutte le Sagre di paese, soprattutto in Romagna, finiscono sempre in ridere. Gli Oblivion arrivano al Toniolo il 17 marzo con uno show per festeggiare l’anniversario dei primi dieci anni di tournée insieme: la summa dell’universo Oblivion come non l’avete mai visto né sentito prima d’ora. In piena crisi di mezza età i cinque rigorosi cialtroni sfidano sé stessi con un’inedita e sorprendente versione acustica della loro opera omnia. Angelo Pisani e Katia Follesa, in doppia replica il 25 e 26 marzo, sono coppia sul palco ma soprattutto nella vita, hanno scelto di dirsi tutto, anche le cose meno belle, e per farlo si sono affidati all’ironia che smorza i toni senza sminuire l’importanza di ciò che ci si dice. Un percorso comico a tappe nella convivenza tra l’uomo e la donna per sottolineare che la bellezza sta appunto nella diversità dei due emisferi a confronto.

Giacomo Poretti torna in teatro il 1 aprile con un monologo che attinge alla sua esperienza personale, per sorridere delle sue memorie di corsia e tentare di rispondere insieme al pubblico all’annosa questione “E adesso chi lo svuota il pappagallo?” Chiude la rassegna il 22 aprile Paolo Migone con uno spettacolo che porta in scena la vita del cabarettista ma non tutta, quella che sta vivendo ora a 65 anni suonati. Famiglia, amici, interessi, lavoro nell’ultimo quarto che la vita gli sta riservando. Il protagonista principale è il tempo che nostro malgrado modifica e condiziona a suo piacimento ogni scelta, ogni convinzione.

La biglietteria del teatro sarà dedicata al rinnovo dal 2 al 21 novembre secondo un calendario consultabile su www.culturavenezia.it

Sarà garantito il diritto di prelazione poltrona ai vecchi abbonati, ad eccezione dello spettacolo di domenica 5 dicembre che per ragioni organizzative rimane a capienza limitata.

Dal 23 novembre inizierà invece la vendita dei nuovi abbonamenti e dei singoli biglietti.

L’accesso agli spazi avverrà secondo protocollo anti-contagio COVID 19 con obbligo di possesso di Certificazione verde Covid-19 (Green Pass) come da Decreto-legge 23 luglio 2021 , n. 105. Sono esonerati dall’obbligo i bambini sotto i 12 anni.

x