« Torna indietro

Mestre, presentato il progetto “H3O” al teatro del Parco Albanese

Pubblicato il 7 Dicembre, 2021

7.12.2021 – Coniugare sport, sanità e sociale in un’unica realtà, con l’acqua come elemento comune. Prende il via da Mestre il progetto “H3O”, iniziativa portata avanti dalle associazioni “Nuoto Venezia”, “Polisportiva Terraglio” e “Mestrina Pallanuoto” con l’obiettivo di offrire agli atleti una rete condivisa di servizi nei rispettivi impianti sportivi, con punto di incontro ulteriore nella piscina comunale del centro di Mestre, in via Circonvallazione. La presentazione di “H3O” si è svolta nel pomeriggio di ieri lunedì 6 dicembre, al Teatro del Parco Albanese a Mestre, con la partecipazione del vicesindaco Andrea Tomaello.

Con lui sul palco i tre presidenti delle associazioni sportive: Davide Giorgi per la “Polisportiva Terraglio”, Diego Vecchiato, per “Mestrina Pallanuoto” e Alessandro Di Mauro della “Nuoto Venezia”. “Grazie per avermi coinvolto in prima persona in questa iniziativa, sin dalle sue prime battute – ha detto Tomaello – credo che, come Amministrazione, sia nostro dovere supportare ogni azione che crea nuove sinergie e forme di collaborazione che fanno crescere il territorio. È importante che nella nostra città si attivino queste forme di aggregazione, che come amministratori pubblici siamo chiamati a sostenere”.

“H3O”, spiegano i promotori, “è una rielaborazione della formula dell’elemento comune, l’acqua (h2o) con l’elemento numerico 3, delle società partecipanti. Il principale aspetto innovativo è l’applicazione condivisa del ‘Modello 3S: Sport – Sanità – Sociale’, da tempo operativo alla Polisportiva Terraglio con la Fisiosport Terraglio, grazie anche al ventennale lavoro di condivisione progettuale con il comparto delle Politiche sociali del Comune di Venezia a supporto della popolazione più fragile”. 

Con “H3O”, inoltre, la piscina di Mestre centro diventa, è stato ribadito, “casa dell’eccellenza natatoria mestrina, convogliando le attività agonistiche di punta delle tre società in un contesto finalizzato a consentire il pieno sviluppo del potenziale sportivo ed individuale di ogni singolo atleta”. Questo modello, è stato spiegato, è condiviso con Comune di Venezia, Ulss 3 Serenissima, Conferenza dei sindaci, Ordine dei Medici della Provincia di Venezia, Regione Veneto e Ministero della Salute. Durante la serata è stato presentato il logo di “H3O” e le attività in programma per l’attuale stagione sportiva. A chiudere si sono svolte le premiazioni, per ogni società, delle squadre che hanno ottenuto i migliori risultati nelle loro categorie.

“Abbiamo dei progetti che ci piacerebbe, insieme a voi, portare avanti – ha proseguito il vicesindaco – con qualche forma di incentivo che favorisca chi vuole fare sport, coinvolgendo anche ragazze e ragazzi con diverse abilità, come voi state già facendo. Da parte mia e della città va la massima gratitudine e un grosso bocca al lupo per l’avvio di questo bel progetto”, ha concluso Tomaello.