« Torna indietro

finanziamento

Mondo forex: facciamo il punto sulle strategie anti inflazione

Pubblicato il 27 Settembre, 2022

Quando si parla di mercati di valute si fa riferimento al Forex: il mercato più grande e più ricco di tutto il globo. Il Forex ogni giorno fa registrare una compravendita di quasi 4 miliardi di dollari. Inoltre non dorme mai: è attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Numeri da capogiro, che aiutano a capire come mai siano davvero tantissimi i trader che cercano quotidianamente informazioni sul Foreign Exchange Market: sulla sua storia, sulle sue caratteristiche distintive e, soprattutto, su come investire al meglio al suo interno.

Molto dipende chiaramente dal livello di preparazione e di competenze del singolo. In ogni caso, per ottenere un buon rendimento da un investimento è bene optare per una strategia forex che risponda al meglio alle proprie esigenze e che permetta anche di gestire l’inflazione. Per farlo è possibile seguire i consigli di professionisti del settore come, ad esempio, gli esperti di Corsoforextrading.net, portale specializzato dove trovare tutte le informazioni necessarie per iniziare ad operare sui mercati valutari.

L’abc del forex

Per seguire strategie espressamente dedicate al Forex bisogna innanzitutto conoscere la storia e le caratteristiche fondamentali di questo mercato valutario. Si inizierà col dire che il Foreign Exchange Market è stato fondato negli Stati Uniti nel 1971: sotto la presidenza di Richard Nixon e all’interno dei cosiddetti accordi di Bretton Woods. Il primo Forex venne fondato sul tasso di cambio fisso tra dollaro e oro, in un momento storico in cui un’oncia d’oro valeva circa 35 dollari.

Col passare degli anni i riferimenti sono chiaramente cambiati (anche per via dell’esaurimento delle riserve auree americane), ma il funzionamento del Forex è rimasto grosso modo lo stesso. Si tratta di un mercato in cui le valute vengono trattate come asset a sé stanti: questo vuol dire che possono venire scambiate sia con altre valute, sia con strumenti finanziari di natura differente (materie prime, criptovalute ecc.).

Inoltre nel Forex è possibile fare trading con le coppie di valute: è possibile comprare euro e, parallelamente, vendere dollari americani, praticando il cosiddetto acquisto della coppia EUR/USD. Allo stesso modo è possibile vendere euro e, parallelamente, comprare dollari americani, vendendo la coppia EUR/USD.

Le migliori strategie anti inflazione

Le strategie finanziarie sono dei piani operativi che aiutano i trader a orientarsi nel mare magnum degli investimenti. Dei canovacci che permettono di capire quale genere di operazioni sia adatto al tipo di obiettivo che ci si prefigge: ad esempio un guadagno sul breve, sul medio o sul lungo periodo, con una propensione al rischio più o meno elevata. Le strategie anti inflazione sono quelle pensate appositamente per contrastare il valore che indica la diminuzione o l’aumento del livello medio dei prezzi.

In linea di massima il primo step di una strategia anti inflazione consiste nella diversificazione del proprio portafogli finanziario, facendo particolare attenzione a selezionare asset che reagiscono in maniera differente ai vari livelli di inflazione. Più precisamente sarebbe utile alternare asset che tendono a sovraperformare in condizioni inflattive ad asset che invece tendono a sottoperformare. In questo modo ci si tutela a prescindere dall’aumento o dal calo improvviso dell’inflazione. Il tutto senza mai dimenticare che esistono anche indici che non vengono particolarmente influenzati da questo specifico valore.

L’ultimo consiglio per i trader Forex interessati a diversificare consiste nel mantenere sempre alto il livello di attenzione: nei confronti delle novità economiche, ma anche di tutte quelle notizie extra-finanziarie che potrebbero avere ripercussioni dirette sui mercati e sulle Borse. 

Skip to content