« Torna indietro

Reggina, la Cremonese recrimina contro l’arbitro ma gli unici a poter contestare sono… gli amaranto!

Pubblicato il 3 Aprile, 2022

A meno di 24 ore dal pareggio casalingo contro la Reggina, in casa Cremonese c’è grande contestazione per quanto visto ieri sul terreno di gioco.

I tifosi della capolista attaccano in parte la propria squadra e in parte le decisioni arbitrali, condannando il direttore di gara per l’espulsione di Crescenzi e per il rigore assegnato alla Reggina.

Un paradosso considerato che -almeno per chi scrive- a dover recriminare qualcosa per le decisioni arbitrali è proprio la squadra ospite. In particolar modo la mancata espulsione di Bianchetti per l’intervento su Folorunsho, azione ritenuta fallosa anche nel rugby, dove il signor Abbattista ha in un primo momento messo la mano in tasca per poi ripensarci.

La capolista non avrebbe mai pensato di incontrare una Reggina così in forma e diversa rispetto al girone di andata. La maturità di Roberto Stellone e l’approccio alla partita da parte dei calciatori ha lasciato senza parole mister Pecchia -letteralmente- considerato che l’allenatore ha deciso di non rilasciare alcuna dichiarazione al triplice fischio.

La prima della classe si è scontrata così contro una bella Reggina che con la Cremonese potrebbe concordare solo su una cosa: gli errori arbitrali hanno condizionato una partita che sarebbe potuta finire con un altro risultato, 2 fisso.

x