« Torna indietro

Rubrica NapulegnArt, intervista con la pittrice Tiziana Cattaneo: “L’arte per me è rinascita. Dipingo la mia Napoli, un mix di sacro e profano”

Tiziana Cattaneo, nome d’arte Vaga, ci svela i segreti della sua pittura.

Pubblicato il 11 Maggio, 2022

Eccoci ad un altro appuntamento con la rubrica NapulegnArt, che va a scovare i talenti artistici napoletani. La nostra ospite questa volta è Tiziana Cattaneo, nome d’arte Tipa Vaga, di professione pittrice.

Parlaci di te: chi sei, cosa fai, qual è la tua arte

“Ciao, mi chiamo Tiziana Cattaneo, alias Tipa Vaga che è il nome che uso come autrice delle mie napoletanità sui social, e solo in parte (Vaga) per firmare i miei lavori. Il nome d’arte è formato da quattro sillabe che sono le prime due lettere dei nomi dei componenti la mia famiglia, Paolo mio marito, Valeria e Gabriele i miei figli.

Considerando inoltre la mia vaghezza caratteriale, un po’ incostante, un po’ con la testa tra le nuvole, un po’ tanto sognatrice, ecco che mi è sembrato un nome perfetto per me. Sono autodidatta e da qualche anno mi diletto a dipingere le mie visioni partenopee.

La mia Napoli è una Napoli un po’ pop, un po’ naif. La mia Napoli è un Vesuvio che assume le forme della sua maschera Pulcinella, dello spirito dispettoso e sensuale della Bella ‘Mbriana, di una stanca e bellissima Partenope, di un gabbiano che vola sul Golfo, di una rete carica di pescato, di un libro antico, di un San Gennaro chino a proteggere la sua città.

La mia Napoli è la rappresentazione di miti e leggende, di sacro e profano, ma anche usi ed abitudini tutti nostri come il caffè sospeso e la cuccumella. La mia ricchezza è proprio la ricchezza di Napoli, le sue mille intriganti sfaccettature sono le mie conseguenti divertenti rappresentazioni dell’oro di Napoli, di questa preziosa ed inesauribile fonte di bellezza, saggezza, forza, amore e gioia”.

Cosa significa per te arte?

“Cosa ha significato per me l’arte? Beh…una rinascita. Vengo da studi di Economia e per tanti anni ho lavorato in tutt’altro settore. Qualche anno fa, a seguito di importanti e significativi eventi, ho deciso di riparametrare tutto e mi sono buttata ad occhi chiusi in questa avventura.

Ho trasformato le mie sensazioni ed emozioni in colore, ho intrapreso un percorso inizialmente catartico e via via sempre più gratificante e arricchente. Ho conosciuto persone meravigliose e sono stata supportata durante il cambiamento da persone altrettanto meravigliose”.

Quale messaggio esprimi con la tua arte?

“Dipingo la mia città con i suoi contrasti, i suoi mille colori, il suo caos, il suo modo unico e inimitabile di essere solidale, di stare come diciamo noi “uno ‘ncuollo a’ nato”, la sua passionalità, la sua storia, la sua leggenda, le sue abitudini le sue scaramanzie.

Ma anche la sua fatica, la sua stanchezza e la sua malinconia, la sua “pucundria”. Napoli è per me quotidianamente fonte di ispirazione e mi piace notare, molto spesso in occasione di mostre ed esposizioni, che lo sguardo incuriosito di chi osserva le mie opere è segnato da un lieve sorriso.

Vuol dire forse che il messaggio arriva, diretto e chiaro e che riesco a trasferire nell’animo di chi osserva un po’ di allegria e serenità. Ah…inoltre i miei lavori piacciono tanto ai bambini, e scusate se è poco!”.

Dove possiamo trovarti?

“I miei dipinti sono esposti in maniera stabile presso l’associazione RiMani, in via Passeggiata Colonna 16 – ad. Piazza Amedeo (NA). Occasionalmente partecipo a fiere in strada con l’associazione La Terra del Sole e gli Artisti sotto il Cielo. I miei lavori sono visibili sulle mie pagine Facebook ed Instagram Tipa.Vaga”.

x