« Torna indietro

Paul McCartney

Paul McCartney

Concerti annullati, McCartney critica l’Italia: «Scandaloso non restituire i soldi»

Il 10 giugno a Napoli e il 13 a Lucca, ma il coronavirus ha fermato tutto e i concerti di Paul McCartney sono stati inevitabilmente annullati con code velenose per i voucher rilasciati ai possessori dei biglietti invece dell’attesa restituzione dei soldi pagati per i biglietti. E la star prende decisamente posizione criticando sia il governo italiano che Assomusica. Ma cosa successo? Molto semplice, il governo italiano ha approvato una norma che autorizza i i possessori dei ticket acquistati dei concerti ( poi annullati per il coronavirus) di avere la facoltà di richiedere un “voucher” di pari valore a quello indicato sul biglietto. Una situazione anomala rispetto al panorama europeo dove, per esempio, i promotori dei concerti dell’ex Beatles, dove non si è esibito, hanno rimborsato i prezzi dei biglietti preventivamente venduti. 

McCartney, «Sono in disaccordo con il governo italiano»

E la star inglese non ci pensa sopra ed attacca con un comunicato ufficiale la decisione italiana: «È veramente scandaloso che coloro che hanno pagato un biglietto per uno show non possano riavere i loro soldi. Senza i fan non ci sarebbe musica dal vivo. Siamo fortemente in disaccordo con ciò che il governo italiano e Assomusica hanno fatto.

A tutti i fan degli altri Paesi che avremmo visitato quest’estate è stato offerto il rimborso completo. L’organizzatore italiano dei nostri spettacoli ed i legislatori italiani devono fare la cosa giusta in questo caso. Siamo tutti estremamente dispiaciuti del fatto che gli spettacoli non possano avvenire ma questo è un vero insulto per i fan”.

Come andrà a finire? Si prevede una possibile class action, comunque, una iniziativa comune per ottenere il rimborso dei biglietti. I fan sono decisamente contrari ad un voucher sostenendo di aver acquistato un evento unico, “Il concerto di Paul McCartney in Italia che non può esser sostituto da nessun altro spettacolo”. 

Edizioni