« Torna indietro

Gasperini, terrone

«Terrone del c…», scatta il deferimento del team manager e dell’Atalanta

Dopo l’offesa razzista «Terrone…», scatta il deferimento della società bergamasca e del suo team manager

Insulti e offese razziste di un dirigente dell’Atalanta, ecco gli ultimi sviluppi. Secondo quanto riporta l’Agenzia Ansa, sarebbe stato già aperto un procedimento da parte della Procura Federale della Figc contro il dirigente della società bergamasca individuato nel team manager Mirco Moioli e nei confronti del club per responsabilità oggettiva. 

«Terrone…», la Procura federale muove i primi passi

Sulla vicenda potrebbe essere contestata la violazione degli articoli 4 e 28 del Codice di giustizia sportiva. Come si ricorderà, dopo la provocazione di un tifoso napoletano nei confronti del tecnico Gasperini, il team manager si è rivolto con asprezza nei confronti del supporter azzurro urlando «Terrone del caz…» ed altri insulti. E su questa vicenda esiste anche un video che gira da ore su tutti i social, scatenando un vero putiferio.

Nella serata di ieri sono arrivate anche le scuse del team manager. Gasperini sibillino, “Il diverbio col tifoso del Napoli? Io non sono coinvolto. Abbiamo invitato la persona a Zingonia, vedrete quando viene fuori chi è. È stato aperto un procedimento? Non mi sento coinvolto, non è nella mia storia e nella mia vita. Ho amici dappertutto, non è un problema mio e neanche dell’Atalanta“.

Il politico Sandro Ruotolo ha commentato la vicenda con un messaggio su Twitter: «In un paese normale la società Atalanta avrebbe chiesto scusa per le dichiarazioni razziste del suo dirigente rivolte al tifoso del Napoli, “terrone del ca**o”. In un paese normale».

x