« Torna indietro

picchiava moglie disabilebari allontanato polizia questura

Picchiava da anni la moglie disabile, allontanato dalla casa familiare

Anni di continui soprusi, culminati nel 2014 con un attacco ipertensivo che aveva causato la rottura di un vaso sanguigno nel cervello e la conseguente disabilità. E poi proseguiti nel tempo, fino a un mese fa, quando un intervento dei poliziotti del Commissariato Bari-Nuova Carrassi ha posto fine al suo incubo.

Nei giorni scorsi la Polizia di Stato ha eseguito il provvedimento di allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento alla moglie, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Bari, nei confronti di un uomo, dopo che lo scorso 9 luglio gli agenti della Squadra Volante della Questura di Bari erano intervenuti in un appartamento sito nel quartiere Carrassi, a seguito di segnalazione di violenze su una persona disabile.

Sul posto gli agenti avevano constatato che la donna, costretta su una sedia a rotelle, presentava escoriazioni alla tempia e una lieve tumefazione dell’arcata sopraciliare. La donna riferiva poi che qualche ora prima il marito, indispettito dal fatto di essere stato da lei contattato più volte affinché rientrasse a casa per aiutarla, l’aveva colpita con una manata al volto rompendole sul viso gli occhiali.

Trasportata al Pronto Soccorso del Policlinico di Bari, la donna raccontava agli operatori i numerosissimi episodi di violenza subiti dal marito, oltre alle minacce di morte che le avevano impedito finora di denunciarlo.

Nella querela poi presentata, fra i tanti episodi la donna citava quello che nel 2014 aveva dato origine alla sua disabilità: dopo essere stata malmenata dal marito con schiaffi e pugni al volto, la donna era infatti rimasta stordita al punto da cadere battendo la testa, ed era poi rimasta in coma per cinque mesi.

Edizioni