« Torna indietro

Il Milan si conferma. Crisi Napoli?

​Grande prova di carattere del Milan che espugna il Mapei Stadium, battendo il Sassuolo di misura (2-1), ma con una convincente prestazione. Primo posto in classifica ribadito, risposta secca agli allunghi di Inter (2-1 sullo Spezia) e Juventus (4-0 al Parma in trasferta), e conferma di giovani interessantissimi come Leao, autore del gol europeo più veloce della storia (solo dopo 6.78 secondi), e preoccupazione per i difensori neroverdi tutta la partita, Saelemaekers, autore del secondo gol dei rossoneri, Kalulu e Theo Hernandez. Il Milan per il titolo ci crede ed è pronto ad affrontare partite difficili come quella di ieri contro l’ottima squadra costruita da De Zerbi, anche senza Ibrahimovic. Lo stesso De Zerbi ha commentato: “Il Milan mi ha impressionato non per il gioco ma per l’autostima che mettono in campo”.

​Anche l’Atalanta reagisce alle avversità (le liti nello spogliatoio tra il mister Gasperini e Papu Gomez, idolo della tifoseria che verrà messo sul mercato) distruggendo la Roma nella ripresa. Il punteggio di 4 a 1 è fin troppo eloquente. Nella ripresa, la Dea sotto di un gol, Gasperini ha mandato in campo il talento Josip Ilicic, che ha ​rovesciato la gara facendo impazzire la difesa giallorossa. Torna alla vittoria la Lazio e va vicina all’Atalanta con 21 punti in classifica. Batte il Napoli con gol di Immobile e Luis Alberto e apre ufficialmente la crisi dei partenopei, che avevano perso immeritatamente a Milano nell’ultimo turno di campionato. Fuori dalla lotta scudetto? E’ presto per dirlo, ma non si respira, almeno oggi, un’aria del tutto serena.

Edizioni

x