« Torna indietro

No green pass: a Catania la rabbia annulla divisioni politiche e sociali

C’è la giovane madre con in braccio la sua bambina. Ci sono anziani che stringono la mano dei nipoti. Ci sono, uomini, donne, bambini; chi da solo o con l’intero nucleo familiare. Benestanti e disoccupati.

Ci sono militanti e simpatizzanti di estrema destra, così come militanti e simpatizzanti di estrema sinistra. Nazionalisti e anarchici. Elettori del centro destra e del centro sinistra. Anche chi nelle urne non mette piede da tempo o non vi si è mai avvicinato.

Insomma, a Catania, nella centralissima piazza Duomo, una folla del tutto eterogenea, bipartisan, ha animato una della manifestazioni più partecipate del popolo che si oppone all’imposizione delle nuove norme che regolamenteranno l’utilizzo del green pass dal 6 agosto.

Catania è la cartina di tornasole di quel che sta succedendo nel resto d’Italia, dove sono sempre più netti e contrapposti i fronti composti dai novax/nogreenpass e da chi, invece, ha fiducia nella comunità scientifica, nelle disposizioni decise per arginare i contagi, per evitare di ripiombare nell’incubo del lockdown.

x