« Torna indietro

Pre partita Catania-Fidelis Andria, Baldini: “Voglio che in campo vada una squadra tosta”

Ecco le parole dell’allenatore rossazzurro, Francesco Baldini, in vista del match di domani al “Massimino” contro i pugliesi.

Ecco le parole dell’allenatore del Catania, Francesco Baldini, all’inizio della conferenza stampa alla vigilia della partita che domani sera i rossazzurri affronteranno al “Massimino” contro la Fidelis Andria.

Sarà la mia prima partita in casa al Massimino – afferma il mister – con il pubblico. Quando sono arrivato a marzo non ho avuto modo di vedere la nostra gente e domani sarà sicuramente emozionante. Abbiamo cambiato tanto, sono arrivati tanti ragazzi, che hanno bisogno della spinta dei nostri tifosi. Devono essere i ragazzi a trascinare il pubblico. Recuperiamo Provenzano, che ha scontato la giornata di squalifica, non recuperiamo Claiton, non abbiamo Piccolo, anche se sarà tra i convocati, perché non ha fatto un allenamento con la squadra dopo il risentimento muscolare della partita di Coppa Italia. Lo porto con noi perché è un giocatore importante anche se non potrà scendere in campo”.

Alla nostra domanda sui correttivi nella difesa e nell’attacco dopo la sconfitta di Monopoli, l’allenatore rossazzurro ha risposto: “Se pensassi che la sconfitta e i gol presi a Monopoli fossero colpa di Monteagudo ed Ercolani sarei abbastanza stupido. Abbiamo sbagliato tutti quanti, io per primo, i giocatori in campo, ma non penso assolutamente che quello sia stato il motivo per cui noi abbiamo perso 3-0. In questo momento non ho altri difensori centrali perché Claiton non c’è, Ropolo è arrivato ieri. Ho Pino, che è un ragazzo del 2002, quindi giocherò con Monteagudo ed Ercolani. Biondi, Moro e Ropolo sono giocatori che abbiamo visto, che conosco e mi aspetto che assieme a tutti i compagni si compattino il prima possibile. Io voglio che in campo vada una squadra tosta, come lo è stata in tante circostanze, perché il calcio prevede quello. Poi ognuno si mette le proprie idee, ma il calcio prevedere di essere tosti”.

x