« Torna indietro

Fonte immagine: profilo Facebook Carmelo Pellegriti

Adrano, Pellegriti dopo le minacce: “Hanno riguardato la sfera personale”

Intanto alle 17 di oggi è prevista una riunione con i rappresentanti delle liste del candidato sindaco di Adrano.

Fa parlare di sé ancora molto la vicenda relativa alle minacce ricevute ieri dal candidato sindaco ad Adrano, nel Catanese, appoggiato dai partiti Fratelli d’Italia e Udc, Carmelo Pellegriti.

Il candidato, sentito da noi telefonicamente, ha sottolineato come queste intimidazioni non riguardino l’aspetto della sua attività politica, ma in tutto e per tutto la sfera personale. Nelle prossime ore inoltre sono attese novità riguardanti il proseguimento o meno dell’impegno per il benessere e il futuro della città del versante occidentale dell’Etna.

“Non è affatto una questione politica – afferma Pellegriti –. Ho preso 7.423 voti, per 161 voti non sono diventato sindaco di Adrano in prima battuta e per questo si dovrà ricorrere al ballottaggio. Le minacce ricevute, che mi hanno preoccupato e che ho denunciato alla Questura di Catania, hanno riguardato la sfera personale e sottolineo che le frasi dette nel comizio di ieri, come ‘Ci dobbiamo sparare nelle gambe a questo cornuto e gli dobbiamo fare male’ fanno capire come chiunque faccia violenza vada condannato. Alle 17 di oggi avremo una riunione con i rappresentanti delle liste per decidere se continuare l’impegno per la città o meno. Sottolineo anche che non si tratta di una questione di coraggio e che non ho paura. Adrano non deve essere abbandonata dalla istituzioni”.

LEGGI ANCHE: ADRANO, MINACCE AL CANDIDATO SINDACO CARMELO PELLEGRITI: DENUNCIA IN QUESTURA

Intanto l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, ha espresso attraverso la sua pagina Facebook la propria vicinanza a Pellegriti: “La campagna elettorale non dovrebbe mai sfociare in minacce personali. Quanto accaduto ad Adrano, con l’intervento delle forze di polizia a protezione di un candidato sindaco impegnato in un difficile ballottaggio, desta preoccupazione e sconcerto. A Carmelo Pellegriti va il mio affetto, la mia amicizia e la considerazione profonda perché egli incarna quel rinnovamento della competenza di cui Adrano ha davvero bisogno. Rispettiamo le decisioni che assumerà oggi con i suoi familiari e i suoi più stretti collaboratori. Ma rimanere in silenzio o minimizzare quanto accaduto sarebbe gravi al pari del gesto compiuto”.

Fonte immagine: profilo Facebook Carmelo Pellegriti

x