« Torna indietro

L’arredo “idoneo” per l’ufficio della portavoce di Musumeci, costa 12mila euro

Michela Giuffrida, ex eurodeputato del Pd che da gennaio ricopre il ruolo di portavoce del governatore è di nuovo protagonista della polemica per l’acquisto degli arredi del suo ufficio. Un polverone si era già alzato anche dai banchi del M5S, sul suo stipendio considerato “maxi” e, oggi, arriva la spesa di oltre 12 mila euro per l’arredo della sua stanza.

Pubblicato il 4 Settembre, 2021

Michela Giuffrida, ex eurodeputato del Pd che da gennaio ricopre il ruolo di portavoce del governatore è di nuovo protagonista della polemica per l’acquisto degli arredi del suo ufficio. Un polverone si era già alzato anche dai banchi del M5S, sul suo stipendio considerato “maxi” e, oggi, arriva la spesa di oltre 12 mila euro per l’arredo della sua stanza.

La spesa per gli arredi “idonei” si trova nel Drs n.130 del Servizio 7 della Regione Siciliana con la quale il capo di gabinetto “su disposizione dell’onorevole presidente ha chiesto a questa segreteria generale di provvedere alla fornitura di idoneo arredo destinato alla stanza assegnata al portavoce ubicata al piano secondo di Palazzo d’Orleans”.

Un provvedimento che si aggiunge alle polemiche sollevate dal deputato regionale del Movimento Cinque Stelle Giorgio Pasqua sullo stipendio della Giuffrida. L’on. Pasqua, alcune settimane fa, ha – infatti – preannunciato un disegno di legge per porre rimedio a quella che definisce “l’ennesima indecenza dell’indecente esecutivo Musumeci”, riferendosi allo stipendio attribuito alla giornalista catanese.

Leggi anche : [VIDEO] SCANDALO ALL’ARS, AUMENTATO STIPENDIO PORTAVOCE MUSUMECI, OLTRE 100MILA EURO ALL’ANNO. “VERGOGNOSO”