« Torna indietro

Palermo, minacce e rito vodoo a una nigeriana: in carcere 4 persone appartenenti all’associazione mafiosa Black Axe – VIDEO

L’operazione condotta dall’autorità giudiziaria di Palermo contro queste 4 persone di nazionalità nigeriana si è basata su una denuncia di questa ragazza.

Pubblicato il 18 Gennaio, 2022

Nelle prime ore di oggi, l’autorità giudiziaria di Palermo ha delegato la Polizia di Stato all’esecuzione di un’ordinanza cautelare in carcere a carico di 4 soggetti di nazionalità nigeriana ritenuti responsabili, a vario titolo, dei delitti di tratta di persone, riduzione in schiavitù, sequestro di persona, sfruttamento della prostituzione nonché favoreggiamento all’immigrazione clandestina, reati aggravati perché commessi da persone appartenenti all’associazione nigeriana di tipo mafioso (secret cult) denominato Black Axe.

L’operazione della Polizia, nata dalle indagini condotte dalla Squadra Mobile di Palermo “Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione” coordinate dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, scaturiva dalla denuncia resa da una ragazza nigeriana, accompagnata da un pastore pentecostale della medesima nazionalità, a cui la vittima si era rivolta per sottrarsi ai suoi aguzzini.

La denunciante ha riferito di violenze subite nel suo paese d’origine ad opera di persone appartenenti a un’organizzazione “cultista”, e delle modalità con cui era riuscita a fare ingresso clandestino in Italia, per poi essere  destinata alla prostituzione. Emergeva che la vittima veniva segregata nel suo paese d’origine da un gruppo di uomini appartenenti al secret cult denominato “Black Axe”, riuscendo a liberarsi grazie all’intercessione di un connazionale, dietro suo impegno a recarsi in Italia come “schiava” di quel gruppo. Per tale motivo veniva sottoposta a un rito vodoo durante il quale prometteva di restituire 15mila euro, somma necessaria per raggiungere illegalmente il territorio nazionale. 

Giunta a Palermo, approfittando del suo stato di soggezione e sotto la minaccia di morte e violenze, veniva costretta alla prostituzione e i proventi dell’attività di meretricio consegnati per la restituzione del debito. La donna riusciva a sottrarsi ai suoi aguzzini, rivolgendosi al pastore che per la propria “opera di aiuto” riceveva minacce di morte. L’indagine, avvalsasi anche di attività tecnica, consentiva di confermare le dichiarazioni rese dalla donna e di acquisire importanti elementi in ordine ai reati contestati agli odierni arrestati, oltre che la loro appartenenza al secret cult Black Axe. All’esecuzione del provvedimento concorrerà personale della Squadra Mobile di Taranto, in quanto tre dei destinatari del provvedimento restrittivo risultano attualmente dimoranti nella cittadina pugliese.

YouTube video
x